A Trento è avvenuta la presentazione ufficiale del nuovo Sistema di verifica con protocollo Leed.
Due anni fa GBC Italia aveva realizzato lo standard Leed 2009 destinato alla certificazione delle Nuove Costruzioni e Ristrutturazioni.
Ora è la volta di GBC Home, il sistema di certificazione energetica e ambientale rivolto agli edifici residenziali, unifamiliari e bifamiliari, fino ai complessi condominiali.

Nuovo protocollo GBC Home per una Edilizia sostenibileMario Zoccatelli, presidente di Green Building Council Italia (GBC Italia), ne ha descritto finalità e metodi sempre basato sul suo corrispettivo americano LEED for Homes, ma sviluppato specificamente considerando le caratteristiche abitative e le diversità nel modello costruttivo proprie della realtà italiana.

Il presidente Zoccatelli ha evidenziato come GBC Home sia nato per valutare un’abitazione sia dal punto di vista energetico sia per misurarne il livello di comfort e l’utilizzo di materiali rispettosi per l’ambiente.

L’obiettivo è promuovere la salubrità, la durabilità, l’economicità e le migliori pratiche ambientali nella progettazione e nella costruzione degli edifici residenziali.

Il riferimento tecnico di conformità è costituito dal manuale di riferimento del protocollo HOME pubblicato da GBC Italia, corredato dai documenti e dagli strumenti applicativi emessi parimenti da GBC Italia che si avvale di Organismi di Verifica e di Ispettori Qualificati.

Il sistema di valutazione è organizzato in sei categorie ambientali (con previsione di crediti sotto forma di punti:
- sostenibilità del sito (25 punti al massimo),
- gestione delle acque (10),
- energia e atmosfera (30),
- materiali e risorse (15),
- qualità ambientale interna (20),
- innovazione nella progettazione (max 10 punti).

I livelli di certificazione raggiungibili sono quattro, a seconda del punteggio conseguito: Base se il punteggio conseguito è tra 40 e 49, Argento se tra 50 e 59, Oro se tra 60 e 79 e Platinum se oltre 80 e oltre.

E tutto ciò coerentemente con le linee politiche e programmatiche di una buona edilizia per il futuro, visto che la Provincia Autonoma di Trento è fortemente impegnata nell’utilizzo di avanzati strumenti di valutazione della qualità ambientale degli edifici, nell’ottica di una significativa trasformazione del mercato e delle imprese.

Si spera che queste iniziative si allarghino a tutto il Paese per far sì che l’Italia possa conseguire un ruolo da protagonista anche nel contesto europeo.

Arch. Maria Renova
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?