La stazione di Piazza Garibaldi, della Linea 1 della Metropolitana di Napoli, è stata inaugurata due giorni fa ma bisognerà attendere a fine mese per l'avvio ufficiale del servizio metro, dopo i collaudi dei prossimi giorni.

La nuova stazione è uno snodo essenziale di collegamento tra il trasporto cittadino urbano e
suburbano, servizio metro Linea 1 e Linea 2, traffico dell’adiacente stazione ferroviaria nonché Circumvesuviana e stazioni Alta Velocità.

Il servizio metro è da sempre stato fondamentale per accorciare le distanze in città, collegando in modo rapido ed economico i quartieri di abitazione, i luoghi di lavoro, i centri degli affari o i mercati con l'ambito territoriale circoscritto.

L’inaugurazione della stazione, progettata dall'architetto francese Dominique Perrault (posta al centro della grande piazza ipogea che caratterizzerà, con la sua copertura di alberi d’acciaio, il lato sud della omonima piazza) è stata "Una giornata importante per Napoli e per tutta l'Italia" come ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi.
"Ci sono tre elementi simbolici e concreti. Finalmente si collega una stazione con la città stessa, si integra il trasporto nazionale con quello comunale e collaborano le varie istituzioni".

Il Progetto

Il progetto, che è stato pensato come intervento di riqualificazione della piazza Garibaldi, oltre a realizzare un grande nodo del ferro tra le varie infrastrutture - si legge sul sito della Metrolitana di Napoli - si articola in due zone:
- A nord una successione di giardini e spazi pedonali scandita dagli accessi alla rete di servizi e al parcheggio nel sottosuolo,
- A sud la grande galleria ipogea collegante le stazioni e sottolineata da una lunga pensilina.

L'archistar francese, Dominique Perrault, aveva un obiettivo: riqualificare il capoluogo campano per riportarlo agli antichi fasti storici.
"Trasformerò la qualità dello spazio urbano e sociale di Napoli" - dichiarava al Congresso mondiale dell'architettura di Torino.
"La sfida consiste nel fare della pericolosa e abbandonata Piazza Garibaldi, l'area principale di transito cittadino, il nuovo centro di Napoli".

E' stato anche scritto che il restyling di Piazza Garibaldi punta sulla costruzione di un "salotto alle porte della città" su due livelli: una galleria di collegamento tra la città superiore e il nodo di interscambio inferiore, illuminata con luce naturale, con centri commerciali, negozi, bar, ristoranti, e circondata da alberi metallici.

Gli alberi d’acciaio si vedono già, e danno la caratteristica al luogo, speriamo però che anche tutti gli altri buoni propositi si realizzino in tempi brevi.

Arch. Lorenzo Margiotta

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?