La semplificazione è essenziale per recuperare il ritardo competitivo dell'Italia, liberare le risorse per tornare a crescere e restituire ai cittadini e alle imprese il tempo da dedicare a quello che conta.

L'edilizia è un settore particolarmente critico: l'Italia è al 112° posto della graduatoria Doing Business della Banca Mondiale. I cittadini e le imprese segnalano le seguenti complicazioni: 1) tempi lunghi e costi burocratici eccessivi per il rilascio dei titoli abilitativi; 2) un numero eccessivo di amministrazioni a cui rivolgersi; 3) differenziazione delle procedure tra un Comune e l'altro e incertezza sugli adempimenti. Il dipartimento della Funzione Pubblica ha stimato costi burocratici[1] in edilizia pari a 4,4 miliardi di euro all' anno e un tempo medio di rilascio del permesso di costruire di 175 giorni.

Nell'Agenda Semplificazione predisposta dal Governo è inserita la sostituzione degli oltre 8000 moduli (almeno uno per Comune) utilizzati per la presentazione delle pratiche edilizie con un unico modulo (da adeguare, dove necessario, alle specificità regionali), al fine di agevolare l´informatizzazione delle procedure e la trasparenza nei confronti di cittadini e imprese.

Con l'accordo siglato il 12 giugno 2014 tra Governo, Regioni ed Enti Locali in Conferenza Unificata sono stati già approvati i moduli unificati e semplificati per la presentazione della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) edilizia e la richiesta del permesso di costruire.

L'azione prevede:
- la predisposizione dei modelli per la presentazione della comunicazione di inizio lavori per interventi in edilizia libera, della agibilità, della "SuperDia" e delle specifiche tecniche per la gestione telematica dei modelli unici;
- la predisposizione delle istruzioni per l'uso dei modelli che forniscono una guida per cittadini e imprese;
- l'adozione dei moduli semplificati (compresi quelli già predisposti per la SCIA e il permesso di costruire) da parte delle Regioni e dei Comuni.

Questi i tempi di realizzazione stabiliti nell'ultimo Consiglio dei Ministri:
Predisposizione modulo edilizia libera: gennaio 2015
Predisposizione modulo super DIA: maggio 2015
Predisposizione specifiche tecniche: luglio 2015
Adattamento modulistica unificata alle specificità regionali: dicembre 2015
Completamento modulistica (agibilità, comunicazioni di inizio e fine lavori, ecc.), specifiche tecniche e adattamento alle specificità regionali: giugno 2016
Adozione di tutti modelli unici e delle istruzioni: dicembre 2016

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?