È stato presentato, presso la Basilica di Sant’Eustorgio, il progetto "Milano Archeologica per Expo 2015", un percorso che intende restituire alla città le principali realtà archeologiche presenti nel centro storico di Milano mediante azioni di manutenzione, promozione e comunicazione coordinata.

Il progetto, promosso da Comune di Milano, Arcidiocesi, Regione Lombardia e Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia, è cofinanziato da Fondazione Cariplo ed è stato realizzato con il supporto scientifico di Politecnico di Milano, Università Cattolica e Università degli Studi di Milano.

"Dal 286 d.C. Milano è sempre stata una capitale – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno. Questa sua funzione, più o meno riconosciuta dal punto di vista giuridico e formale a seconda delle fasi storiche che ha attraversato, non ha mai cessato di connotare la sua vita. Un ruolo che va ricordato e sottolineato specialmente ora, dal momento che con Expo 2015 più di cento capi di Stato avranno Milano come punto di riferimento ed è giusto che la nostra città si presenti al mondo con la coscienza e la conoscenza del suo passato, anche il più remoto. Questo progetto, fondamentale per acquisire quella coscienza, è il frutto di un patto virtuoso che lega oggi utilità pubbliche e private, per raggiungere il comune obiettivo di conservare quel ruolo di capitale che Milano ha sempre avuto".

Le principali e più recenti attività di intervento del progetto sono:
- Il restauro della Torre poligonale, del tratto delle mura romane e della Torre romana del Circo all’interno della sede del Civico Museo Archeologico;
- Il restauro delle sepolture paleocristiane sotto la Basilica di Sant’Eustorgio;
- La valorizzazione delle realtà archeologiche presso la Basilica di San Nazaro in Brolo.

Tutti gli spazi previsti nel progetto – una trentina di aree, tra cui quella sottostante il Duomo, il Foro Romano presso la Veneranda Biblioteca Ambrosiana e l’area di via Gorani – sono stati inseriti in un itinerario di visita, percorribile a piedi, con la posa di pannelli e la stampa di un pieghevole.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?