Mentre alcuni anni fa la tendenza era ancora quella di realizzare lampade e lampadari altamente decorativi, oggigiorno è la luce stessa ad essere in primo piano.
Perciò i designer e i produttori hanno bisogno di materiali con particolari proprietà di conduzione luminosa.

lampada “Cielo” della marca Ocari

Si tratta dell’invenzione più importante dai tempi della lampadina elettrica: i diodi ad emissione luminosa o in breve LED (”Light Emmiting Diodes“)

I LED richiedono poca manutenzione, durano nel tempo e consumano poca energia, ecco perché in molti settori stanno sostituendo sempre più gli altri prodotti per l’illuminazione. Tuttavia, oltre ai vantaggi tecnici, i LED offrono nuove possibilità anche in termini di design.

Grazie alla loro struttura compatta e alla forte intensità luminosa, i LED rendono possibile, ad esempio, la costruzione di lampade piatte, come nel caso dei Lightpanel a LED.

Questi pannelli luminosi a LED consistono in una superficie illuminata in modo omogeneo e sono, pertanto, un’interessante alternativa alle lampade tradizionali per l’illuminazione funzionale di uffici, grande distribuzione o attività commerciali.

Inoltre, i pannelli illuminano senza abbagliare, perché maggiore è la superficie illuminata, minore è l´effetto abbagliante della luce.

Mettere in risalto con l’illuminazione

I pannelli luminosi non solo possono essere utilizzati per l’illuminazione funzionale di uffici e simili, ma anche per creare un’atmosfera particolare e rendere davvero unici ambienti ed edifici, come nel caso dei Lightpanel della ditta axis GmbH & Co. KG di Norimberga.

”I nostri pannelli a LED non sono semplicemente una lampada da appendere al soffitto, bensì una soluzione molto pregiata e fatta su misura per l’illuminazione di elementi architettonici“, spiega Felix Szak, responsabile del progetto di illuminazione presso l’azienda axis.
”La luce viene utilizzata principalmente come strumento creativo e non soltanto per l’illuminazione.“

Con i Lightpanel si possono creare, ad esempio, grandi superfici (colorate) illuminate o interessanti combinazioni con materiali traslucidi e materiali naturali, metalli o materie tessili.

La luce diventa lampada

Queste luci di superficie sono un apprezzato elemento creativo non solo in architettura e nel design d’interni, nell’arredamento per negozi e nelle strutture espositive: anche il mercato classico delle lampade è cambiato.

Oggigiorno, rispetto a lampade e lampadari, è la luce stessa ad essere in primo piano, come nel caso delle lampade “Cielo“ e “Liviano“ di marca Ocari. In entrambi i modelli la luce dei LED fuoriesce dalle linee fresate nel corpo lampada.
“La nostra idea era quella di far scomparire l’alloggiamento, per rendere la luce stessa una lampada”.
Daniel Schulz, comproprietario dell’agenzia di design Boos & Schulz Designagentur (BSD), descrive così come sono nate le sue creazioni. “Ne risulta, a mio avviso, una lampada perfetta. Non voglio vedere un involucro metallico. Quando la lampada è accesa, voglio vedere la luce.”

Nelle lampade in PLEXIGLAS® trasparente il corpo della lampada passa quasi completamente in secondo piano; la luce fuoriesce infatti dalle incisioni superficiali.

Materiali a conduzione luminosa

Tuttavia, per mettere in risalto la luce, i designer e i produttori di lampade devono ricorrere a materiali con particolari proprietà di conduzione luminosa.

“I LED richiedono un materiale in grado di trasformare la loro luce in un’illuminazione piacevole“, afferma Matthias Schäfer, manager del settore Visual Communication and Lighting presso Evonik. “Grazie alle sue eccellenti proprietà fotoconduttive, il PLEXIGLAS® offre svariate possibilità: con il nostro vetro acrilico di marca è possibile realizzare elementi luminosi ultrasottili di grande superficie così come forme straordinarie.“

PLEXIGLAS® LED, ad esempio, è una variante del vetro acrilico di marca perfezionata appositamente per soddisfare i requisiti dei dispositivi luminosi moderni.

Una qualità che ha convinto anche gli inventori del Lightpanel: ”Nei nostri test, PLEXIGLAS® LED ha dimostrato, grazie all’elevata estrazione luminosa, di essere di gran lunga la soluzione migliore per le lastre, in cui l’illuminazione viene inserita nei bordi“, racconta Szak. “Con PLEXIGLAS® la superficie risplende in modo omogeneo, senza differenze visibili di luminosità.“

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?