Approvando la legge di stabilità 2015 il Governo ha inteso modificare il vecchio regime dei minimi con nuove norme che interesseranno circa 900.000 possessori di partita IVA in regime dei minimi.

Il vasto popolo delle partite IVA, che dal 2012 usufruivano del cosiddetto "regime dei minimi", avevano vantaggi come: una imposta sostitutiva pari al 5% del reddito imponibile, esenzione dal pagamento dell' Irap e dell' Irpef e niente studi di settore.

La Legge Stabilità 2015, prevede (anche per chi ha superato i trentacinque anni di età) l'innalzamento dell'imposta sostitutiva al 15% , ricavi nell'anno fiscale compresi tra 15.000 e 40.000 € e l'obbligo di dichiarare un costo per il personale non superiore a 5.000 euro.

La nuova norma è riservata a chi nel 2014 ha percepito compensi non superiori ai limiti imposti e variabili a seconda del tipo di attività svolta.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?