Il Rapporto Ambiente Italia 2013 di Legambiente fa il punto sulla situazione ambientale nel nostro paese ed evidenzia come le energie rinnovabili e la riqualificazione energetica degli edifici possono aiutare l’Italia a uscire dalla pesante crisi attuale.

Legambiente il Rapporto Ambiente Italia 2013Ogni anno, il Rapporto Ambiente Italia elabora una serie di indicatori che restituiscono un’immagine fedele e aggiornata dello stato di salute dell’ambiente nel nostro paese e nel resto del mondo.

I dati dello studio ci raccontano un'Italia in crisi per politiche scellerate che hanno considerato l'ambiente come un freno per lo sviluppo economico o un lusso da rinviare a tempi migliori.

Mobilità privata ai vertici, industria in crisi, dissesto idrogeologico senza freni, illegalità ambientale al top, concentrazione di polveri e metalli ancora elevati. Eppure uscire da questo stallo è possibile, occorrono ricette nuove da quelle che ci hanno condotto fino qui e il coraggio di cambiare sul serio.

L’Italia oltre la crisi individua alcuni segnali positivi di cambiamento che stanno emergendo - aumentano le rinnovabili, si riduce la produzione di rifiuti e le emissioni inquinanti, aumentano pure le vendite di biciclette - e propone un percorso per avviare una economia low carbon attenta alle persone e ai territori, una crescita finalmente inclusiva, intelligente, sostenibile.

Che l’Italia stia attraversando un periodo di profonda crisi, è noto. Come è noto anche il fatto che i tagli e i sacrifici, spesso pesantissimi, imposti a tutti non siano riusciti a risolvere la situazione.

L’edizione 2013 del rapporto annuale di Legambiente (realizzato in collaborazione con l’Istituto Ambiente Italia) presenta un’analisi degli ultimi dieci anni di "non governo" del territorio e delle politiche sociali attraverso una serie di indicatori sociali e ambientali e propone idee e proposte concrete, perché uscire dalla crisi è possibile e alcuni segnali positivi di cambiamento stanno già emergendo.

Fonte: Legambiente
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?