Le forme del cementoLa collana editoriale di architettura  LE FORME DEL CEMENTO -  ideata e promossa dall’Aitec (Associazione Italiana Tecnico Economica del Cemento) e diretta dalla Prof. Arch. Carmen Andriani  - si prefigge  l’intento di documentare, attraverso una serie di volumi fra di loro correlati, l'estensione formale e tecnica che il calcestruzzo è in grado di esprimere.

Leggerezza, plasticità, dinamicità, sostenibilità, concretezza sono alcune delle categorie formali secondo cui suggerire, nella successione dei numeri, interpretazioni inedite delle opere presentate, indipendentemente dalla tipologia, siano esse chiese o infrastrutture, stazioni o musei, luoghi dello spettacolo o dello sport.

Dopo il volume  "Leggerezza" il progetto editoriale propone il volume "Plasticità", a cura di Carmen Andriani.

Il volume si compone di quattro sezioni: una rassegna di foto d'archivio delle opere dei maestri-pionieri che anticipa il tema del numero; un testo critico che ne rintraccia, nella storia della costruzione, il percorso evolutivo; una selezione di opere contemporanee che concretizzano alcune di quelle possibili declinazioni formali.
Infine una sezione dedicata ai lavori in corso  che documenta alcuni dei cantieri più significativi.

La plasticità è la speciale attitudine che il cemento ha nell’essere adattabile, adattato e idoneo alla sperimentazione formale a cui si sono attribuite particolari definizioni come Zoomorfo, Plastico, Fitomorfo, declinazioni che racchiudono le proprietà di materico e scultoreo avvicinandolo alle figurazioni artistiche dei Maestri.
A queste caratteristiche rispondono le opere di Musmeci, di Hadid, di Niemeyer, di Barragan, Bo Bardi come altri grandi maestri presentate in questo volume che ci conducono attraverso un percorso  evoluzionistico fino al Cemento futuro.
Cemento futuro è una definizione che apre a nuovi percorsi tecnologici e progettuali del cemento: una sfida, ai limiti della materia, che oltrepassando il pensiero arriva al fare come esperimento come scienza di calcolo e di cantiere, tra sfida e continuità.

Carmen Andriani 
Architetto, Docente di Progettazione Architettonica ed Urbana della Facoltà di Architettura di Pescara. Dal 2003 è Docente del Master Universitario "Innovazione nella Progettazione e Controllo di strutture in cemento armato" diretto dal Prof. Camillo Nuti, Facoltà di Architettura ed Ingegneria di Roma 3.
Suoi scritti e progetti sono pubblicati su numerosi cataloghi e riviste di architettura. Ha tenuto conferenze all’estero sul suo lavoro di progettista ed è stata invitata a numerose mostre di architettura (Triennale di Milano, Biennale di Venezia, Montevideo, Toronto, Graz, Giappone, Istanbul)

LE FORME DEL CEMENTO  - PLASTICITA’
A cura di Carmen Andriani
Gangemi Editore, Roma 2008,  pp. 160
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?