Giovedì 9 febbraio (ore 18.30, al Circolo dei Lettori – Fondazione Pini) si svolerà un incontro dedicato a quegli anni di euforica e complessa novità che ha avuto come protagoniste le donne di Milano.

Il 1950 -1970 è stato un ventennio di straordinario cambiamento, le donne entrano nelle fabbriche, negli uffici, nei giornali, nelle case editrici, nel nuovo e meraviglioso mondo della moda e del design. L’Italia sta mutando pelle e Milano è il motore di questa trasformazione.

Le donne di oggi sono rappresentate dal vivace e colto gruppo di studiose, giornaliste ed editor, che ha prodotto un libro di grande interesse: La signorina Kores e le altre - Donne e lavoro a Milano (1950 – 1970), curato da Rossanna Di Fazio e Margherita Marcheselli, ed edito da un marchio che vive sul web, www.enciclopediadelledonne.it, ma che non rinuncia alla carta stampata, e che ha corredato questo prezioso libro con magnifiche foto d’epoca.

Parteciperanno all’incontro, Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del comune di Milano, Maria Canella, storica della modernità e del costume e Candida Morvillo, giornalista e scrittrice.

"Le donne fanno il boom” - Fondazione Adolfo Pini, Corso Garibaldi 2, Milano
www.fondazionepini.it

Circolo dei Lettori – Fondazione Adolfo Pini
Nato dall’incontro tra la Fondazione di Corso Garibaldi, dedicata alla promozione delle arti, e la curatrice ed editor indipendente Laura Lepri, il Circolo dei Lettori – Fondazione Adolfo Pini prosegue la propria missione volta a promuovere l’interesse per la lettura e la letteratura, dopo essere divenuto un punto di riferimento milanese per appassionati di libri, autori ed editori nei suoi primi tre anni densi di incontri e progetti: più di 70 gli appuntamenti letterari organizzati per adulti e bambini, più di 80 i libri presentati, oltre 150 gli autori ospitati.
Fin dalla sua creazione Il Circolo dei Lettori si è identificato con una specifica vocazione di promozione della lettura declinando gli appuntamenti per tipologie diverse di lettore. Costruiti sulla falsariga delle collane editoriali, i vari cicli di incontri disegnano una mappa che favorisce l’orientamento e l’approfondimento di fronte alla sovrabbondanza della produzione editoriale contemporanea.

Fondazione Adolfo Pini
Nata nel 1991 per volontà di Adolfo Pini (1920-1986), la Fondazione che porta il suo nome ha sede a Milano nell’elegante palazzina di fine Ottocento in corso Garibaldi 2. Oltre ad Adolfo Pini, uomo di scienza e docente di fisiologia, qui ebbe dimora e studio il pittore Renzo Bongiovanni Radice (1899-1970), zio materno di Pini, che fu una figura chiave nella formazione culturale del nipote, guidandone in particolare l’interesse verso le arti. Per volontà di Adolfo Pini la Fondazione è dedicata alla memoria dello zio con l’obiettivo di promuoverne e valorizzarne l’opera pittorica, attraverso studi e mostre, e il sostegno ai giovani artisti attivi in tutte le arti, con borse di studio, offerte formative e altre iniziative. Essa promuove inoltre anche la figura di Adolfo Pini che, accanto alla sua attività scientifica, fu anche scrittore, poeta, compositore e appassionato d’arte, rappresentando una perfetta sintesi di cultura scientifica e umanistica. Tra le iniziative promosse dalla Fondazione Adolfo Pini vi è il Circolo dei Lettori, a cura di Laura Lepri, Storie Milanesi, a cura di Rosanna Pavoni e nuovi progetti dedicati all’arte contemporanea, a cura di Adrian Paci, che coinvolgono in particolare giovani artisti.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?