Nasce attorno ad un manifesto il movimento "Lavoriamo per l'Italia", il nuovo raggruppamento giovanile costituito da un gruppo di organizzazioni che sarà presentato lunedì 8 ottobre, con tutti i riferimenti organizzativi, logistici e l'elenco dei primi firmatari e dei promotori.
 
L’Italia è oggi fortemente coinvolta nella grave crisi economico-finanziaria internazionale che sta minando le fondamenta dell’Euro-zona. Il Paese sta vivendo uno dei periodi più difficili della propria storia, con un PIL praticamente piatto, un’imponente evasione fiscale, un’inefficiente sistema di servizi pubblici statali e locali ed una disoccupazione crescente, soprattutto fra i giovani.

Lavoriamo per l ItaliaMa perché lo Stato italiano è giunto sull’orlo di un baratro nel quale rischia di precipitare senza ancore di salvataggio? Chi deve assumersi la responsabilità di quanto stiamo vivendo in questo drammatico periodo?

La risposta è semplice: tutta la classe politica che negli ultimi quarant’anni ha gestito in modo pessimo la “Res Publica”, anteponendo gli interessi personali o dei partiti a quelli prioritari del Paese. Una buona dose di responsabilità è però anche di tutti noi che come cittadini non abbiamo vigilato adeguatamente, non abbiamo preso contromisure, non abbiamo denunciato truffe e corruzione, permettendo che accadesse ciò che sta all’evidenza di ognuno.

Siamo diventati spettatori della deriva economica, morale e socio-culturale del Paese, allontanandoci da un sistema politico giudicato disgustoso dalla stragrande maggioranza degli italiani e facendoci scippare anche il nostro diritto/dovere di scegliere, con il voto, chi ci dovrebbe rappresentare.

Il disinteresse mostrato dai cittadini nella quotidianità e durante le recenti tornate elettorali, rappresenta un segnale forte ed inconfutabile del biasimo verso la classe politica centrale e locale. Ma, così facendo, abbiamo sbagliato lo stesso: perché solo la partecipazione attiva ed appassionata alla vita politica del Paese può restituirci il futuro che meritiamo.

Possiamo, e dobbiamo, cambiare l’Italia!

E' allora giunto il momento di diventare protagonisti del cambiamento, di agire perché l’Italia diventi giorno per giorno un Paese sempre più giovane, moderno, dinamico, energico, incentivante, positivo; dove l’orizzonte sia limpido e il percorso che ognuno sceglie di fare, libero e chiaro; con uno Stato “amico” che sia a fianco di chi studia, lavora, investe, e rispetta le leggi.

Per queste ragioni, nasce oggi, ma da una lunga e consapevole valutazione culturale e una radicata convinzione “politica”, “Lavoriamo per l’Italia”. Iniziativa a forte connotazione giovanile, che vuole soprattutto unire le forze sane e innovative del Paese e la cosiddetta società civile (senza tralasciare, naturalmente, le grandi esperienze delle sue migliori figure professionali) nell’impegno per un concreto e profondo ricambio generazionale del Paese che, come tutti sanno, è ai record mondiali di “gerontocrazia”, non riuscendo da tempo, di fatto, a rimuovere caste, lobbies e potentati che pervadono ogni ambito sociale, istituzionale, economico.

Sono, invece, assolute priorità, il merito e la capacità, metro di reale valutazione e reclutamento. E il rigore, la trasparenza e la sostenibilità dei conti pubblici, sono le basi necessarie per la corretta gestione dello Stato, sicuramente i più importanti valori dell’iniziativa del Governo Monti.

press@lavoriamoperlitalia.it
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?