"Con la notevole riduzione dei requisiti richiesti ai professionisti per la partecipazione alle gare di progettazione, il Governo ha reso maggiormente accessibile il mercato dei lavori pubblici, superando le vecchie regole discriminatorie che hanno finora impedito alla pressoché totalità dei giovani architetti, oltre che alla grande maggioranza degli studi professionali di piccole e medie dimensioni, di partecipare alle gare per l'affidamento di servizi di architettura e di ingegneria."

Così il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori sul Dl Misure Urgenti per la Riforma della Pubblica amministrazione che prevede, all'articolo 65, nella versione entrata in Consiglio dei Ministri lo scorso venerdì, un notevole abbattimento dei requisiti "quantitativi" per l'accesso alla alle gare.

"Ci battiamo da anni contro il vecchio sistema che, fissando requisiti per l'accesso alle gare come il fatturato ed il numero di dipendenti del professionista, ha di fatto progressivamente riservato il mercato dei servizi di architettura e ingegneria ad un numero molto ridotto di strutture professionali, in violazione ai principi della libera concorrenza a cui si ispirano le più recenti direttive europee in materia di appalti."

"Il Decreto - augurandoci che sia confermata quella versione - da, dunque, una spallata a quel sistema che ha alimentato una progressiva chiusura del mercato, che oggi sta assumendo dimensioni allarmanti, per gli effetti della crisi economica, che impedisce alla stragrande maggioranza dei professionisti di conseguire o di conservare il possesso di tali requisiti. Dunque, un provvedimento che, aprendo il mercato, oggi riservato a pochi, ne consentirà finalmente una gestione più trasparente, tanto più significativa in questo momento che vede il nostro Paese esposto a scandali ed a corruzione".

"Dopo questo primo passo, puntiamo adesso all'improrogabile definizione di una nuova legge sui lavori pubblici che, recependo la nuova direttiva comunitaria in materia di appalti, punti alla trasparenza, ad una ulteriore apertura del mercato, alla valorizzazione delle capacità professionali ed al rilancio dell'istituto del concorso, quale elemento prioritario di selezione dei progetti per la realizzazione di opere pubbliche di qualità, così come avviene nella gran parte dei paesi europei".

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?