Una decisione del Consiglio dei Ministri che ha sollevato immediati malumori: prorogati per circa 2 anni i termini volti all'approvazione del progetto definitivo del Ponte sullo stretto di Messina "al fine di verificarne la fattibilità tecnica e la sussistenza delle effettive condizioni di bancabilita".

La storia infinita del PonteLa decisione è strana ma forse prevedibile: l'obiettivo del governo, in momento di crisi economica, è stato quello di evitare il pagamento delle penali. Ma le contestazioni sono profonde.

Secondo il Wwf è stata un decisione pilatesca degna della Prima Repubblica, perchè ingiustificabile per un Governo dei tecnici sospendere per altri 2 anni l'inevitabile stop alla realizzazione del Ponte.
"Il Governo dopo ben 9 anni di studi - ha dichiarato il Wwf - ha già oggi tutti gli elementi per chiudere con il progetto, con il General Contractor (senza pagare penali) e con quell'ente inutile che è la società Stretto di Messina SpA".

La cosa grave è che il Progetto era in sospeso già da oltre un anno, e l'esecutivo non ha voluto prendere una decisione drastica preferendone rinviare di altri due anni l'approvazione o meno del progetto definitivo dell'opera.

Anche Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente, commentando la notizia della decisione presa dal Consiglio dei Ministri ha dichiarato che "non è la proroga per l'approvazione la strada più conveniente, ma al contrario quella di bocciare il progetto definitivo, perchè tecnicamente irrealizzabile e dai costi insostenibili. E subito dopo occorre sciogliere la Società Stretto di Messina".

Maria Zenoli
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?