Dopo 8 anni di crisi edilizia si è riacceso l’interesse degli italiani per la casa, favorito dalla riduzione dei prezzi e dalla parziale ripresa della concessione dei mutui edilizi.
Anche vari sondaggi lo confermano, e tra gli altri anche il sondaggio “Abitare 2016” sui nuovi stili abitativi degli italiani.

Su un campione di 4.000 persone quasi l'80% di essi ha dimostrato interesse ad acquistare una abitazione.
Ma l'aspetto più interessante dell'indagine è l'aver constatato che, rispetto a 3 anni fa, è cresciuto il numero di utenti sensibili al risparmio energetico, che cercano edifici in classe A o B. La classe energetica è diventata, quindi, un parametro importante per quasi il 65% degli utenti.

E' comprensibile notare che questa nuova forte consapevolezza dei cittadini è dovuta in parte anche alla possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali sugli interventi di riqualificazione e di ristrutturazione, prorogate anche per il 2016.

Ma l'indagine "Abitare 2016", effettuato da idealista.it, fa emergere anche altri dati interessanti.
La casa deve essere più confortevole, dotata ormai indispensabilmente di ascensore, più vicina allo stile di vita familiare (con soggiorni ampi per viverci comodamente), più salutare (inserita in zone verdi o addirittura con un terrazzo o giardino per la possibilità di coltivare fiori e ortaggi).

Arch. Francesca Giara

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?