Riportiamo il sempre apprezzato articolo dell’avv. Achille Colombo Clerici, presidente dell’Europe Asia Institute.

L’Italia sta consolidando la ripresa economica - anche se, purtroppo, questa non riguarda tutte le categorie economiche - ma deve accelerare la crescita, soprattutto per ridurre l’enorme debito pubblico, il terzo nel mondo. Per raggiungere l’obiettivo di un pareggio Pil-debito l’Italia dovrà crescere di oltre il 2% l'anno, nei prossimi 10 anni. Un sogno?

Mancano, per realizzarlo, la ripresa dell’economia edilizia, oggi incentrata sulle ristrutturazioni e gli stanziamenti per le opere pubbliche: rispetto ai 48 miliardi di prima della recessione siamo a circa 28 miliardi.

Di fronte alle scelte economiche e fiscali che il nostro Paese dovrà assumere l’Europa non starà certo a guardare.

Inoltre, a 14 mesi dalle elezioni per il rinnovo delle istituzioni comunitarie, l’UE si trova davanti a scelte fondamentali per la sua sopravvivenza, almeno nelle forme fino ad oggi conosciute.

E’ indispensabile che l’Europa completi la trasformazione da unione prevalentemente economica (euro) ad unione politica; trasformazione bloccata da vent’anni a causa della sua stessa governance.
Un sistema intergovernativo, per il quale ogni scelta di fondo necessita dell’approvazione di tutti i 27 Paesi. Bisogna passare a un sistema politico (che sia o meno Federazione ) nel quale le scelte vengano assunte a maggioranza.

Si tratta, in altri termini di passare da una "associazione" di stati che pratica una politica monetaria comune, ad una forma istituzionale di governo in grado di esercitare una politica estera e di difesa comune e in fondo anche una vera e propria politica economica comune. Insomma una Unione che si doti di una vera politica in senso proprio, e non prenda decisioni in modo occasionale, e "irresponsabile" come è purtroppo avvenuto nel deplorevole caso della assegnazione dell'Ema all'Olanda.

Non è pensabile, ad esempio, che i Paesi del cosiddetto Patto di Visegrad – Polonia, Cekia, Slovacchia, Ungheria – abbondantemente sovvenzionati dall’UE, siano oggi i principali attentatori all’unità del Continente e ai suoi principi di democrazia liberale.

Infine, ma non certo ultimo per importanza, il problema dei giovani. L’assenza e la precarietà del lavoro condizionano pesantemente il futuro dell’Italia. Un problema gigantesco per la politica che infatti si limita a vaghe promesse senza proporre ricette.

Avv. Achille Colombo Clerici

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?