Negli ultimi anni molte iniziative sono state attuate per sensibilizzare l'opinione pubblica in materia di energia pulita.
Sono stati elaborati e prodotti sistemi di pavimentazione cinetica per eventi, mostre e spazi pubblici, prevalentemente per creare un impatto interattivo e divertente.

Basta ricordare i cosiddetti pavimenti 'Sustainable Dance Floor', piste da ballo di energia che convertivano l'energia cinetica di gente che ballava in elettricità.

Questa pista utilizza il movimento umano come fonte di energia, l'energia cinetica viene convertita in energia elettrica che alimenta le luci a LED del pavimento. Il pavimento interagisce con il pubblico e lo coinvolge in un'esperienza di energia in modo interattivo.

Ma questa elettricità generata pedonalmente può essere utilizzata per altri scopi e alimentare altre possibilità, come avviene con le pubbliche pavimentazioni pedonali per le aree ad alto calpestio.

Sustainable energy Floor

Così 'Sustainable energy Floor' è stato sperimentato come sistema di conversione di energia più efficiente del mondo pedonale, perché può essere utilizzato in marciapiedi e zone ad alto calpestio come aeroporti, arene dello sport, centri commerciali, stazioni ferroviarie, uffici e condomini.

E' una tecnologia già sul mercato e brevettata in Europa e negli Stati Uniti, che può diventare un elemento chiave in reti intelligenti, integrate con l'energia solare ed eolica.

Hybrid energy Floor

'Hybrid energy Floor' infatti è il primo pavimento di energia pedonale al mondo che unisce due diverse tecnologie per la produzione locale di energia pulita: il potere del movimento umano e l'energia solare.

Questo pavimento ibrido è costituito da pannelli solari pedonabili e pavimenti in energia pedonali.
Il progetto Energy Hybrid (HEF) converte insieme l'energia solare e l'energia cinetica del movimento umano in energia elettrica.
Questo pavimento, a moduli di diverse dimensioni che possono produrre singolarmente da 60 kwh fino a 250 kwh l'anno, è progettato per l'installazione su vie commerciali, piazze, parchi e marciapiedi.

Ora anche in Italia si è giunti a progettare una "mattonella calpestabile ecosostenibile".
Quattro ingegneri (Ingg. Alessio Calcagni, Giorgio Leoni, Simone Mastrogiacomo e Nicola Mereu), tutti laureati all’Università di Cagliari, hanno realizzato il prototipo di una mattonella innovativa che, attraverso l’utilizzo di materiale piezoelettrico è in grado di produrre energia pulita con il semplice calpestio.

E' il pavimento “Sef, ovvero smart energy floor”, composto da moduli quadrati, della grandezza di 50×50 cm, con spessore di 3 cm, che preveda un’efficienza di conversione dell’energia cinetica in energia elettrica del 50%, e che può essere utilizzata per illuminazione tramite led in uffici pubblici, scuole ma anche nelle abitazioni private.

Ing. Enzo Ritto

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?