Tullio Crali - Scenosintesi per "Anonimo", 1929-30

Il Mart celebra i suoi primi dieci anni di vita attraverso una mostra che ridisegna la relazione delle sue collezioni con il pubblico, riflette sul proprio patrimonio e intraprende un modo inedito di osservarlo.

Progetto senza precedenti per il Mart, "La magnifica ossessione" è stata definita dal direttore, Cristiana Collu, con un accumulo di aggettivi: "Autodidatta, rabdomante, auto da fé di opere. Succube o protagonista, collezione ricomposta, perturbante e conturbante, maniacale e feticista. Oscuro oggetto del desiderio. Segreto, condivisione, ebbrezza, festa. Vertigine della mescolanza".

Le quasi 3000 opere raccolte in mostra permettono di esplorare il patrimonio del Mart nella sua integrità ed eterogeneità, secondo un’esperienza che avrà un impatto sul pubblico di inedita e inaspettata potenza: 2.784 oggetti, un chilometro di cammino, 275 artisti, 418 dipinti, 144 disegni, 100 incisioni, 70 sculture, 11 film e video, 6 installazioni, 6 arazzi, 103 manifesti, 328 fotografie, 217 documenti, 1074 mail art, 64 libri d'artista, 20 modelli d'architettura, 78 multipli.

Fortunato Depero - Martellatori, 1923

"La magnifica ossessione" rivendica una visione radicalmente libera dei piani temporali; le opere sono accostate secondo un criterio che si potrebbe definire "anticipazione del presente", o "archeologia del futuro".

Per questo motivo il visitatore incontrerà un percorso che è sì cronologico, ma che procede in realtà per forti slittamenti tematici. Le opere sono disposte senza gerarchie visive, mischiando le collezioni ed esaltando le differenze tra le categorie.

Una rievocazione, in un certo senso, dello spirito dei salons ottocenteschi, esposizioni che rappresentavano un diverso modo di osservare le opere d’arte. La mostra propone una sensibilità prossima ai criteri del collezionismo e alle condizioni visive della realtà, piuttosto che alla presunta neutralità ed asetticità delle sale espositive moderne e contemporanee.

Giacomo Balla Futurista - Vortice
La magnifica ossessione - MART Rovereto
Manifestipolitici

Al Mart di Rovereto, Venerdì 31 maggio 20013 ore 15.00, Sala ricerca de "La magnifica ossessione", per presentare "Manifestipolitici.it", una banca dati online promossa dalla Fondazione Gramsci Emilia-Romagna (Bologna) sul manifesto politico e sociale contemporaneo.

Questa risorsa rende consultabili in rete oltre 12mila manifesti politici e sociali, provenienti da diverse raccolte e realizzati dai primi anni del Novecento fino ai giorni nostri.

Simona Granelli (Fondazione Gramsci Emilia-Romagna) illustrerà le potenzialità della banca dati mentre Andrea Baravelli, docente di Storia contemporanea all’Università di Ferrara, farà un excursus sulla storia della comunicazione politica attraverso i manifesti nel corso del Novecento.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?