Da una nota del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Filippo Patroni Griffi, si apprende che: "La legge anticorruzione che con i ministri Cancellieri e Severino riuscimmo a condurre in porto giusto un anno fa sta dando i primi risultati. L'Italia migliora tre posizioni nella classifica sulla percezione del fenomeno, stilata dal rapporto "Corruption perceptions 2013" a cura di Transparency International."

"È un’inversione di rotta, dice Patroni Griffi, dopo un decennio in cui siamo prevalentemente scesi nella classifica. Con il decreto trasparenza, che obbliga le amministrazioni a mettere on line spese degli uffici e redditi di politici e dirigenti, inoltre è aumentata la possibilità di controllo sociale da parte dei cittadini."

A queste frasi, però, ha replicato Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: "La legge anticorruzione, di cui oggi tanto si vanta il sottosegretario Patroni Griffi, ha un padre morale e materiale: il governo Berlusconi".
"La legge Severino ricalca infatti per circa il 70% (il resto sono state solo inutili forzature) il testo che il governo precedente a quello di Mario Monti, guidato proprio da Silvio Berlusconi, aveva messo a punto con grande determinazione e con grande senso di responsabilità.

"...Riteniamo alquanto ardite le parole del sottosegretario, ha detto Brunetta, secondo le quali la diminuzione della percezione di tale fenomeno sia dovuta alla sola legge Severino. Secondo noi i risultati vengono da lontano, come hanno già detto l'Ocse e gli esiti delle valutazioni internazionali cui e' stata sottoposta l'Italia, da una politica rigorosa messa in campo dal governo Berlusconi, non da ultimo il provvedimento sulla trasparenza nelle pubbliche amministrazioni, da me fortemente voluto nel 2009, quando da ministro per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione mi sono battuto per la chiarezza, dalla parte dei cittadini. Il settore pubblico, oggi più di prima, deve essere un palazzo di cristallo agli occhi dei contribuenti".

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?