Il Comune di Roma e l'Ordine degli Architetti di Roma e provincia hanno dato vita nel 2002 a una nuova importante istituzione culturale ed espositiva, la Casa dell’Architettura, con il compito di promuovere la cultura architettonica romana e l'architettura contemporanea in generale attraverso mostre, premi, conferenze, incontri e iniziative di carattere nazionale e internazionale.

La Casa dell ArchitetturaIn particolare la Casa dell’Architettura ha anche il compito di favorire il confronto e lo scambio tra la cultura architettonica e le altre forme e linguaggi del sapere, attraverso cicli di film, incontri con autori e manifestazioni interdisciplinari.

Le attività sono programmate da un comitato scientifico composto da sei membri e dal coordinamento del presidente dell'Ordine degli Architetti di Roma. Al comitato scientifico, oltre alla definizione degli indirizzi generali dell’attività, spetta anche il compito di scegliere e incaricare i curatori delle singole attività o un curatore che programmi l'intera attività di un settore.

La sede della casa dell'architettura è l'edificio denominato Acquario Romano, monumentale costruzione realizzata dall'arch. Ettore Bernich nel 1885 e usata per lo scopo originario solo per un breve periodo.
L'originaria costruzione, con un piccolo e ridente giardino, era destinata insieme ad acquario, a stabilimento di piscicultura e a luogo di ritrovo per le masse della borghesia emergente del nuovo quartiere dell’Esquilino.

Un bellissimo edificio, dunque, per la vita di relazione, per le diverse occasioni di ritrovo e di incontro sia nel periodo invernale che all’aperto nella buona stagione; infatti dopo alterne vicende, alla fine del primo decennio del nuovo secolo, l’Acquario è ormai consacrato come sala di spettacolo di carattere decisamente popolare sia per il tipo di pubblico che per gli spettacoli che vi si tenevano, ospitando tra gli altri attori come Petrolini e Viviani.

Già nel 1930 risulta essere adibito da tempo a magazzino del Governatorato, in cui tra l’altro venivano conservati gli scenari del Teatro dell’Opera, e resterà adibito a deposito fino alla fine del 1984 quando viene sgomberato per l’inizio dei lavori di risistemazione promossi dall’Amministrazione Comunale per ottenere il recupero quasi totale della fisionomia originale dell’Acquario.

Infatti l’intervento di restauro ha previsto il recupero dell’intero apparato decorativo, tenuto conto che l’obiettivo finale era quello di restituire nei limiti del possibile l’immagine originaria dell’edificio.

Dopo i lavori di restauro l’edificio ha ospitato attività espositive di varia natura, fino a quando con il trasferimento dell’Ordine degli Architetti e la costituzione della nuova struttura culturale, è diventato la casa degli architetti romani.

E tra le attività istituzionali dell'Ordine degli Architetti di Roma, un posto di primo piano spetta alle iniziative culturali, rivolte non solo al proprio corpo professionale, ma a tutto il pubblico dell'architettura, per favorire e diffondere una coscienza architettonica e ambientale, per offrire una chiave di lettura privilegiata del mondo dell'architettura internazionale, per soddisfare la domanda sempre maggiore di beni
culturali.

La Casa dell'Architettura è ormai un'istituzione simbolo, nel panorama internazionale dell'architettura, come luogo privilegiato per la presentazione di progetti, di realizzazioni recenti, di retrospettive, di esposizioni di arti visive, come luogo per la diffusione delle ricerche progettuali, estetiche, intellettuali, artistiche più innovative.
Uno spazio per l'architettura quindi, aperto e pluridirezionale, che propone varie possibilità d'uso con differenziati e più stimolanti avvicinamenti all'intero mondo dell'architettura.

Arch. Lorenzo Margiotta
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?