Volumi di compravendita in calo del 25,7% (rispetto al 2011) e valore di scambio complessivo che scende di quasi 27 miliardi di euro.
Tiene, invece, l’indice di accessibilità, che misura la possibilità di accesso delle famiglie italiane all’acquisto di un’abitazione.

Sono soltanto alcuni dei dati contenuti nel Rapporto immobiliare sull’andamento del mercato residenziale nel 2012, realizzato in quest'anno dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate in collaborazione con l’Associazione bancaria italiana.

Tra i dati esposti nello studio, come anticipato, l’indice di accessibilità, in base al quale la percentuale di famiglie italiane, con un reddito il cui 30% è sufficiente a coprire almeno il costo annuo del mutuo, si attesta a un livello di poco superiore al 50%.

Un andamento che è la risultante di una sostanziale stabilità del costo del credito a cui si contrappone, per la prima volta, un deciso miglioramento del prezzo relativo delle case rispetto al reddito disponibile, anche se tale miglioramento avviene in discesa per tutti e due gli indicatori.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?