Klimahouse 2008

L‘edilizia sostenibile è un argomento di crescente attualità sia in Alto Adige sia nelle altre regioni italiane.

 

Il nuovo ordinamento edilizio della città di Bolzano, approvato recentemente, ne è la conferma.

Esso ha prescritto, tra l‘altro, che dall’11 maggio 2007 le nuove costruzioni che sorgono nella città-capoluogo oppure i vecchi edifici che vengono restaurati fino al 50% debbano rispettare almeno lo standard richiesto dalle casa-clima B (un consumo equivalente di massimo 5 litri di gasolio per metro quadrato).

 

Le case clima A e B devono, inoltre, produrre fino al 25% di energia per mezzo di impianti fotovoltaici oppure di pannelli solari.

 

Grazie a questo nuovo ordinamento, il Comune di Bolzano ha conquistato una posizione leader in Italia per quel che concerne l‘edilizia sostenibile.

 

Nelle altre località altoatesine, i nuovi edifici devono possedere i requisiti richiesti dalle case-clima A, B oppure C.

 

"Oggi, lo standard prescritto dalla casa-clima rappresenta, ben oltre i confini provinciali, il punto di riferimento nel campo dell‘edilizia sostenibile e di qualità.
Gli edifici certificati case-clima contribuiscono non solo a far risparmiare risorse e a rispettare il clima, ma anche a diminuire la dipendenza da forniture di materie prime estere", asserisce Norbert Lantschner, Direttore dell‘Agenzia CasaClima della Provincia di Bolzano e precursore dell‘iniziativa casa-clima.


Fonte: www.klimahouse.it
Altri Approfondimenti in: www.fierabolzano.it

 

 


Notizie collegate:

 

29/10/2007 - Klimahouse 2008

 

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?