Mentre si parla ancora in Italia di risultati alle elezioni europee, ballottaggi comunali e promesse governative (infatti i tempi ristretti di Renzi si allungano), dalle analisi del Censis rileviamo una conferma sempre preoccupante alla grave situazione economica.

I risultati del sesto numero del "Diario della transizione" del Censis, che ha l’obiettivo di cogliere e descrivere i principali temi in agenda nella primavera-estate del 2014, ci rappresentano una realtà inquietante.

La crisi ha colpito tutti i Paesi a economia avanzata, ma l’Italia si distingue per la perdita di attrattività verso i capitali stranieri: gli investimenti stranieri in Italia nel 2013 sono stati pari a 12,4 miliardi di euro, il 58 per cento in meno rispetto al 2007, l’anno prima dell’inizio della crisi.

La reputazione è oggi un fattore decisivo per favorire la competitività di un Paese. Ma l’Italia ha un deficit reputazionale accumulato negli anni a causa di corruzione diffusa, scandali politici, criminalità organizzata, lentezza della giustizia civile, farraginosità di leggi e regolamenti, inefficienza della pubblica amministrazione, infrastrutture carenti.

Fortunatamente l’Italia continua a posizionarsi in alto per quanto concerne indicatori come lo stile di vita, il made in Italy, le eccellenze manifatturiere, le "grandi bellezze" artistiche e paesaggistiche, ma non primeggia per i fattori di sostegno allo sviluppo.

E se la disoccupazione giovanile ha raggiunto la quota record del 46% nel primo trimestre 2014, il valore più alto dal 1977, tanto da collocarci agli ultimi posti della graduatoria europea, serve urgentemente che il Governo punti soltanto sul lavoro e la ripresa dell'occupazione in Edilizia.

Eleonora Tamari

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?