Ingegneria sismica in ItaliaIl prossimo Convegno dell’Associazione Nazionale Italiana d’Ingegneria Sismica (ANIDIS) si terrà a Genova dal 25 al 29 gennaio 2004.

L’appuntamento è stato spostato di alcuni mesi, rispetto alla tradizionale scadenza, in quanto nel 2004 Genova sarà Capitale Europea della Cultura.

Il problema del rischio sismico in Italia è sempre di grande attualità a causa degli eventi che periodicamente colpiscono il nostro paese. Questi hanno messo in luce non solo la notevole vulnerabilità del nostro costruito, in cui predominano le costruzioni storiche (che peraltro vogliamo e dobbiamo conservare), ma anche la difficoltà di trasferire i risultati della ricerca scientifica al mondo della professione ed ai funzionari tecnici che operano nel settore; l’osservazione sistematica dei danni ha infatti ormai chiaramente dimostrato l’inefficacia di alcune tecniche di intervento, ma queste restano ancora ben salde nella prassi progettuale e nelle raccomandazioni normative.

L’ANIDIS ha proprio tra le sue finalità quello di costituire una cerniera tra il mondo della ricerca e quello della professione. In tal senso ha operato in passato, mettendo a punto un Commentario alle normative ed organizzando corsi di aggiornamento, diffusi sull’intero territorio nazionale. Il convegno dell’associazione rappresenta un importante momento di dialogo e scambio di esperienze.Ogni terremoto mette in evidenza una diversa problematica del rischio sismico, sensibilizzando l’opinione pubblica attraverso i fatti più drammatici. In occasione del terremoto che interessò l’Umbria e le Marche, nell’autunno del 1997, l’attenzione si rivolse al patrimonio storico architettonico: il tragico crollo di parte delle volte nella Basilica di S. Francesco ad Assisi comportò anche la perdita di affreschi d’inestimabile valore.

Nel recente terremoto del Molise, il grave evento nella scuola elementare di San Giuliano di Puglia ha evidenziato la vulnerabilità delle strutture pubbliche, nella maggior parte dei casi non adeguate alle normative sismiche. Inoltre si è anche evidenziata la lentezza con la quale vengono recepite le proposte di riclassificazione del territorio e aggiornate le normative tecniche.

Nel prossimo convegno di Genova saranno affrontate le diverse problematiche dell’ingegneria sismica. I temi di base della dinamica sismica, della modellazione delle strutture, dell’identificazione e della sperimentazione avranno il giusto rilievo. Gli aspetti legati alla progettazione di costruzioni in zona sismica, edili ed infrastrutturali, saranno dibattuti anche con riguardo alle moderne tecniche di isolamento e controllo. Un momento di reciproco confronto tra ricerca e professione sarà incentrato sul tema degli interventi preventivi e di riparazione degli edifici esistenti: costruzioni in muratura, edifici ed opere in cemento armato realizzate senza progettazione antisismica, monumenti e aggregati nei centri storici.
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?