Gli effetti della crisi nel settore edilizio hanno portato, a fine 2012, a perdere ben 360 mila posti di lavoro. E' quanto rilevato dall'Osservatorio congiunturale sull'industria delle costruzioni, presentato ieri dall'ANCE, l'Associazione nazionale costruttori edili.

Industria delle costruzioni presentato l Osservatorio congiunturaleAnche il presidente dell'ANCE, Paolo Buzzetti, ha lanciato un allarme: "la situazione è drammatica. La perdita occupazionale complessiva raggiunge circa 550mila unità".

Per l'ANCE, infatti, gli investimenti caleranno anche nel 2013 e si perderanno ancora migliaia di posti di lavoro: "un dramma che si consuma nel silenzio", ha dichiarato Paolo Buzzetti. "Emerge con tutta evidenza il rischio sociale a cui stiamo andando incontro".

I dati dell'Osservatorio congiunturale avallano le tesi che addebitano alla crisi in atto il ridimensionamento degli investimenti nelle costruzioni, nettamente superiore rispetto a quello determinato dalla crisi degli anni Novanta. Quindi si prepara un difficile 2013 per tutto il settore delle costruzioni, anche residenziali, nonostante ci sia una richiesta di circa 600mila abitazioni.

E' stato anche ribadito che i sacrifici degli italiani e le manovre del Governo Monti non hanno ancora dato gli effetti sperati, poichè la contrazione del mercato edilizio è inasprita dalla restrizione creditizia, dai ritardati pagamenti, dell'allungamento dei tempi necessari per l'avvio dei provvedimenti contenuti nel cosiddetto Decreto Sviluppo.

Ma il presidente dell'Ance è ancor più drastico: "Se siamo a questo punto non è un caso. Sono state fatte scelte che hanno portato l'edilizia a fermarsi. Si è pensato che per raggiungere obiettivi di pareggio di bilancio si potesse fermare l'edilizia; e che l'edilizia non servisse alla ripresa del Paese. Altri Paesi in Europa hanno fatto scelte diverse, anticicliche. Non c'è niente di male a riconoscere di avere fatto degli errori. Ma è urgente farlo subito per ripartire".

"L'entità della caduta degli investimenti - avverte Paolo Buzzetti - è simile a quella registrata nel 2009, ossia all'inizio della crisi". Dunque, "ci troviamo di fronte a una 'ricaduta del malato' che dimostra come le politiche adottate finora non abbiano sortito effetti positivi".

Arch. Maria Luisa Gottari
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?