A fine ottobre dello scorso anno è stata inaugurata a Marsiglia la torre per uffici progettata da Jean Nouvel e chiamata dallo stesso architetto “La Marseillaise”.

“Le torri di tutto il mondo sembrano troppo simili, spesso appaiono intercambiabili – potrebbero stare ovunque”. Troppo raramente descrivono la loro città. Sono alte ma anonime. “Preso atto di queste considerazioni critiche, la mia proposta è una torre unica”, ha dichiarato l’archistar francese.

Sembrano strane però tali parole, specialmente se messe a confronto col la bella e vicinissima “CMA CGM Tower” firmata da Zaha Hadid e inaugurata nel lontano 2007.

Secondo le sue stesse intenzioni l'architetto voleva proporre una torre singolare che diventasse rappresentativa della sua città e dell'area mediterranea, giocando con sole e ombre geometriche.

L’aspetto geometrico della costruzione sembrerebbe alquanto scontato, ma osservando bene, le facciate in cemento verniciato richiamano effetti di optical-art. L'architetto, infatti, ha scelto circa 30 variazioni cromatiche, diverse gradazioni di blu, bianco e rosso. “Guardando l'edificio da lontano si ha un'illusione ottica, i colori selezionati permettono alla torre di fondersi con il paesaggio fatto del blu del cielo e del rosso dei tetti della città”.

“Avvicinandosi alla torre, poi, diventa visibile la complessità degli elementi che la compongono”.
E lo stesso Jean Nouvel ha dichiarato: “Non conosco altre torri alte più di centro metri rivestite completamente da brise soleil, non esistono”.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?