E' stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 288 dell'11 dicembre 2015 l'informativa dell'approvazione dei Ministeri Vigilanti, in merito al reddito dei soci professionisti delle StP equiparato a quello professionale, per i fini previdenziali.

Il comunicato del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali -11 dicembre 2015- reca infatti la dizione: "Approvazione della delibera adottata dal Comitato nazionale dei delegati della Cassa nazionale di previdenza ed assistenza per gli ingegneri ed architetti liberi professionisti (Inarcassa), in data 5-6 marzo 2015".

Approvata finalmente, quindi, dai Ministeri Vigilanti l’iscrizione ad Inarcassa dei soci liberi professionisti ingegneri e architetti di StP non assoggettati ad altra forma di previdenza obbligatoria, che garantisce loro piena tutela previdenziale indipendentemente dalla forma giuridica della StP con la quale viene esercitata l’attività professionale.

La norma equipara ai fini previdenziali il reddito di partecipazione ad una StP a quello professionale. La Società tra Professionisti dovrà applicare in fattura il 4% sui corrispettivi professionali e dichiarare il volume di affari ad Inarcassa. L’obbligo di riversare il contributo integrativo incassato dalla Società sarà solo in capo ai singoli soci professionisti, sulla base del volume d’affari complessivo.

I soci professionisti - se iscritti Inarcassa - verseranno anche il contributo soggettivo sul reddito professionale derivante dalla partecipazione societaria.
Tutte le informazioni sulle nuove norme saranno disponibili a breve nelle pagine del sito Inarcassa dedicate alle Regole per le Società.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?