La gestione di più impianti fotovoltaici da parte degli enti pubblici non costituisce attività commerciale, anche se gli impianti complessivamente considerati superano la potenza di 20 Kw. Ciò che conta è che ciascuno di essi sia di potenza inferiore ai 20 Kw e soddisfi le necessità energetiche di una specifica sede dell’ente. Questo il principale chiarimento contenuto nella risoluzione n. 32/E diffusa oggi dall’Agenzia delle Entrate.

Impianti fotovoltaici senza IVAScambio sul posto
- L’utilizzo in proprio dell’energia autoprodotta da parte dell’ente non assume rilevanza fiscale ai fini Iva, se l’ente stesso gestisce impianti singolarmente di potenza non superiore a 20 Kw.

Scambio a distanza
- Lo stesso trattamento fiscale vale quando il punto di immissione in rete dell’energia non coincide con quello di consumo della stessa. In questo caso, non c’è attività commerciale se l’energia prodotta dagli impianti fotovoltaici gestiti dall’ente, a prescindere dalla loro collocazione, soddisfa i bisogni delle sedi istituzionali dell’ente nel limite di 20 Kw per ciascuna di esse.

Il testo della risoluzione è disponibile nella nostra sezione Normativa oltre che sul sito dell’Agenzia delle Entrate, www.agenziaentrate.gov.it, all’interno della sezione “Normativa e prassi”.
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?