L'Assessorato all'Urbanistica della Regione Piemonte e gli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri di Torino promuovono un convegno sugli sviluppi della normativa sui Lavori Pubblici alla luce delle ultime modifiche legislative.

Il ruolo degli ingegneri e degli architettiSi svolgerà a Torino (1 giugno 2012 - Centro Incontri della Regione Piemonte, Corso Stati Uniti 23) il convegno "Il ruolo degli ingegneri e degli architetti nell'ambito dei lavori pubblici - Luci e ombre nel nuovo quadro normativo" organizzato dalla Commissione Lavori Pubblici dell'Ordine degli Ingegneri di Torino, l'Assessorato Urbanistica, Opere Pubbliche, Legale e Contenzioso - Direzione Opere Pubbliche, Difesa del suolo, Economia montana e foreste - Settore tecnico opere pubbliche.

Gli Ordini professionali degli Ingegneri e degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Torino, anche alla luce degli ultimi sviluppi della normativa vigente in materia (in particolare il D.Lgs. 12 aprile 2006 e s.m.i. - "Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE" nonché il suo regolamento di attuazione D.P.R. 5 ottobre 2010 - "Regolamento di esecuzione ed attuazione del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163"), propongono il presente Convegno quale momento di confronto tra i vari soggetti coinvolti nello svolgimento di un lavoro pubblico (committenti, professionisti ed esecutori).

Come noto la progettazione di un lavoro pubblico rientra nell'ambito dei servizi di ingegneria ed architettura, i cui contenuti e la cui gestione, all'interno di un contratto pubblico, sono specificatamente normati dalla legislazione in essere, per ciascuna delle figure in qualche modo coinvolte nell'identificazione e nello svolgimento di tale ruolo.
Se da un lato infatti è richiesta, alla stazione appaltante, un'attenta valutazione ed analisi delle proprie necessità - da cui lo svolgimento di tutte le attività propedeutiche conseguenti, per la corretta predisposizione della procedura di affidamento del servizio medesimo - dall'altro, in fase esecutiva dello stesso, dovrà essere il professionista specificatamente selezionato ad attuare quanto a lui ascritto dalla norma vigente, sia in termini di corretta progettazione, sia di successivo controllo dell'esecuzione, per arrivare al collaudo dell'opera stessa, con anche eventuale gestione di una o più fasi di contenzioso.

Le responsabilità conseguenti allo svolgimento dei diversi ruoli, ed in particolare al ruolo degli ingegneri e degli architetti affidatari dei servizi professionali, risultano quindi sempre più rilevanti, tanto più alla luce della recente abrogazione delle tariffe professionali, venendo a mancare l'unico parametro di riferimento per la definizione dell'importo del servizio medesimo.
Senza dimenticare infine il sussistere, nella contrattualistica pubblica, di forti ribassi sia in termini di servizi di ingegneria ed architettura, sia in termini di esecuzione dei lavori, il tutto presumibilmente a discapito di una coerente esecuzione del contratto stesso.

Gli Ingegneri e gli Architetti, quindi, in qualità di "persone esercenti un servizio di pubblica necessità"- art. 359 C.P., sono quindi sempre più chiamati a svolgere la propria attività nel rispetto dei principi deontologici che da sempre caratterizzano tali ruoli.

Segreteria OIT
eventi@ording.torino.it
tel. 011.5622468 Fax 011.5621396
Segreteria OAT
architettitorino@awn.it
tel. 011.546975 Fax 011.537447
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?