Tra gli incontri attesi del Cersaie 2011 c'è anche la lectio magistralis del maestro Kengo Kuma, l’inventore del “vuoto in architettura” e autore delle opere più importanti e ardite realizzate sul suolo giapponese.

Il potere dei luoghiIl potere di stupire, per quello che mostra. Ma anche il potere di creare aspettative, misteri, percorsi di lettura autonomi e diversificati, per ciò che nasconde. È in questo dialogo tra “vuoti” e “pieni”, tra architettura e immaginazione, che si inserisce la poetica di Kengo Kuma, al Cersaie 2011 con la lectio magistralis dal titolo “Power of the place”, Il potere dei luoghi.

Introdotto dallo storico dell'architettura Francesco dal Co, l'intervento di Kengo Zuma – in agenda per mercoledì 21 settembre alle 14 – si inserisce all'interno di un focus che la ventinovesima edizione del Salone internazionale della ceramica per l'architettura e l'arredobagno ha scelto di dedicare al Giappone, un Paese recentemente messo a dura prova da due eventi devastanti – terremoto e tsunami – eppure pronto a ripartire facendo leva sulla propria tradizione culturale secolare che si accompagna alla voglia di innovare e guardare avanti, che non viene meno neppure nei momenti più difficili. E con Kengo Kuma l'architettura si fa “strumento”, la costruzione vero e proprio “atto di rispetto verso la natura”.

“Il vuoto – ebbe a dire lo stesso Kuma in una lectio magistralis tenuta nel 2008 a Torino in occasione del Congresso internazionale di Architettura – ha in architettura la stessa importanza che ha il silenzio in musica”. E ancora: “Molti miei colleghi credono che debba essere il museo il motivo di visita di un luogo, concepiscono i musei come fini. Per me sono mezzi: l’architettura – aveva osservato l’architetto nipponico – deve essere una finestra verso qualcos’altro, sempre nel rispetto dei fenomeni naturali”.

La lectio magistralis di Kengo Kuma si inserisce nell’ambito del ciclo di incontri “Costruire, Abitare, Pensare”, che per il terzo anno consecutivo porta a Cersaie i protagonisti mondiali della ceramica e dell’architettura, della tecnologia e del design, per mettere a confronto esperienze e percorsi professionali che quest’anno trovano un punto di raccordo e di incontro proprio nella cultura architettonica giapponese e nei suoi protagonisti.

Nota biografica

Kengo Kuma nasce nel 1954. Consegue la Laurea Magistrale all’Università di Tokyo nel 1979. Dal 1985 al 1986 studia presso la Columbia University in qualità di visiting scholar. Nel 1990 fonda lo studio Kengo Kuma & Associates. Insegna presso la Keio University dal 2001 al 2008, l’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign nel 2008 e nel 2009 ottiene la cattedra alla Graduate School of Architecture presso l’Università di Tokyo. Tra le opere più importanti di Kuma figurano il Kirosan Observatory (1995), Water/Glass (1995, insignito dell’AIA Benedictus Award), lo Stage in Forest, il Toyoma Center for Performance Arts (che ha ricevuto l’Architectural Institute of Japan Annual Award nel 1997), lo Stone Museum (vincitore dell’International Stone Architecture Award del 2001), il Bato-machi Hiroshige Museum (vincitore del Murano Prize). Tra le opere più recenti, il Great Bamboo Wall (2002, Pechino, Cina), il Nagasaki Prefectural Museum (2005, Nagasaki) e il Suntory Museum of Art (2007, Tokyo). Anche all’estero si contano numerosi progetti imponenti, tra cui alcuni centri per l’arte a Besançon, in Francia, e a Granada, in Spagna, e un nuovo edificio del Victoria & Albert Museum nella sede di Dundee, in Scozia.
È il vincitore dell’International Spirit of Nature Wood Architecture Award del 2002 (Finlandia), dell’International Architecture Awards for the Best New Global Design per il “Chokkura Plaza and Shelter” nel 2007, e dell’Energy Performance + Architecture Award del 2008 (Francia). Kengo Kuma è inoltre un prolifico scrittore le cui opere sono tradotte in inglese, cinese e altre lingue.
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?