Dopo le ultime certificazioni, a fine luglio, (conformità sismica, vigilanza per il Pubblico Spettacolo, agibilità del Comune), la Società del Palazzo dei Congressi prepara la cerimonia di inaugurazione del nuovo Palacongressi di Rimini che avverrà nella giornata di sabato 15 ottobre.

Il nuovo Palacongressi di RiminiSi è così conclusa l'opera di costruzione della più grande struttura congressuale italiana costruita ex novo, tra le più imponenti d’Europa, unica per originalità strutturale, dotazioni tecnologiche, relazione e richiamo al territorio, nata al centro del progetto di riqualificazione di un'area importante della città di circa di 38.000 mq. di superficie.

La progettazione è firmata dall’architetto Volkwin Marg dello Studio GMP di Amburgo, già autore del progetto del nuovo quartiere fieristico di Rimini ed annoverato tra le 15 maggiori ‘firme’ globali dell’architettura contemporanea mondiale.
I principali studi tecnici che hanno collaborato alla progettazione sono lo Studio Favero e Milan per le strutture, lo Studio TI per gli impianti, lo Studio Land per il verde e lo Studio Inteso per gli impianti elettrici e congressuali.

Il Palas sorge in Via della Fiera (vicino al Convention Bureau della Riviera di Rimini) caratterizzato da una grande conchiglia-anfiteatro, vera flessibilità d’utilizzo con possibilità di ospitare numerosi eventi in contemporanea, da una modularità degli spazi congressuali ed espositivi, un'ottima dotazione di parcheggi interrati, oltre a una forte attenzione e rispetto per l’ambiente e riqualificazione del verde circostante.
La filosofia del progetto, infatti, si basa tra l'altro sul recupero del parco urbano circostante, un “raggio verde” percorso da sentieri ciclopedonabili, che attraversa la città e collega la nuova struttura al centro storico e al lungomare dove si trovano gli alberghi.

Ma il nuovo centro congressi sarà innovativo anche sotto il profilo dei risparmi energetici, perchè il progetto comprende materiali eco-compatibili e impianti a basso impatto ambientale e mirati al risparmio energetico, modalità di illuminazione naturale delle sale al fine di dotare la nuova struttura di condizioni di habitat naturale sia degli spazi interni che di quelli esterni, nonchè recupero delle acque piovane per l’irrigazione delle aree verdi, sistema di accumulo del ghiaccio per la riduzione della potenza frigorifera ed elettrica fino al 50%.

L’inaugurazione del nuovo Palacongressi di Rimini sarà una grande festa per la città, destinataria -con il coinvolgimento dell'intero territorio- di una struttura dedicata al turismo d’affari e alle destinazioni congressuali internazionali.

Arch. Lorenzo Margiotta
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?