L’Agenzia del Demanio e il Comune di Torino hanno avviato il concorso internazionale di architettura Federal Building Torino, da cui verrà selezionato il masterplan della caserma Amione, destinata a divenire la Cittadella della Pubblica Amministrazione della città.

La Seduta pubblica di generazione delle chiavi informatiche di apertura del “CALENDARIO DEL CONCORSO” di cui al Disciplinare del Concorso, si è tenuta il giorno 12 Giugno in Torino.
I concorrenti possono iscriversi e partecipare al concorso tramite piattaforma telematica attraverso il sito www.concorsiarchibo.eu/federalbuildingtorino.

La caserma Amione di Torino, quindi, diventa protagonista del concorso internazionale di architettura per raccogliere idee e progetti che porteranno alla realizzazione del nuovo Federal Building della città, che ospiterà uffici pubblici e servizi a partire dal 2025.

L’Agenzia del Demanio ha scelto un concorso di architettura per ottenere una varietà di idee e di nuovi punti di vista che avvicinino ad una “soluzione ideale” nella quale interagiscono architettura, funzionalità ed economia.

Il concorso si articolata in due fasi: il primo bando è aperto a tutti fino al 3 agosto 2018 con l’obiettivo di acquisire le proposte progettuali relative al concept planivolumetrico e alla sistemazione delle aree libere da costruzioni.
Il secondo sarà aperto ai 5 migliori concorrenti selezionati nella prima fase e riguarda lo sviluppo del masterplan dell’area oggetto del concorso. Il premio è di 101.640 mila euro per il progetto vincitore e 10.890 mila euro per ognuno dei concorrenti selezionati per la seconda fase. La procedura di gara terminerà il 16 novembre 2018 e a dicembre verrà proclamato il vincitore.

Questo il commento del direttore dell’Agenzia Roberto Reggi che ha sottolineato come “Il concorso internazionale di architettura potrà attirare molto professionisti, dai grandi studi ai giovani architetti, e permetterà di valorizzare l’idea migliore per la trasformazione di oltre 24mila metri quadri della Caserma Amione da destinare a polo della Pubblica Amministrazione cittadina.
Una riqualificazione urbana imponente che si realizzerà grazie all'impegno, alla collaborazione e alla partecipazione di tutti. Con un investimento di circa 60 milioni di euro, quando l’intera area sarà riqualificata nel 2025 Torino sarà una delle città con la più bassa spesa per gli uffici pubblici.”

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?