I grandi maestri del Rinascimento, appartenenti alla famiglia Bellini (dinastia di collezionisti fiorentini da più di sei secoli), come non si sono mai visti: Donatello, Verrocchio, Della Robbia, Veronese, Giambologna.
Una occasione multisensoriale capace di creare la magia di atmosfere inusitate. Una mostra anche da toccare per aggiungere emozione ad emozioni.

E' la mostra "Il Rinascimento oltre l'immagine" al Museo Omero (unico al mondo), allestita con preziosi lavori rinascimentali e con valore aggiunto: la possibilità di percepirli oltre l'immagine, utilizzando tutti i sensi, che prevede profumi e musiche del tempo, e lascia alla mano la possibilità di toccare quei marmi, quei bronzi, quei legni, quelle terrecotte, aggiungendo emozioni ad emozioni.

Il Museo Tattile Statale Omero, si trova presso la Mole Vanvitelliana di Ancona: un'architettura unica progettata nel '700 dal grande Luigi Vanvitelli e divenuta nel tempo simbolo di Ancona e centro polifunzionale e culturale della città.
Un enorme pentagono sull'acqua che nel tempo ha assunto varie funzioni - baluardo difensivo, ospedale, sanatorio, magazzino, etc. - collocato in una posizione strategica a pochi passi dal centro città e dallo scalo portuale.

La finalità del Museo, istituito nel 1993 dal Comune di Ancona, è quella di "promuovere la crescita e l'integrazione culturale dei minorati della vista e di diffondere tra essi la conoscenza della realtà".

L'area del complesso architettonico affidata al Museo Omero è di circa 3000 mq, disposta su quattro livelli e si snoda lungo un lato della fabbrica vanvitelliana recentemente restaurato.

L'eccezionale esposizione mostra per la prima volta ad Ancona, gli inediti giovanili di Donatello, "Madonna con Bambino", terracotta policroma caratterizzata da una forte espressività dei volti, tipica dell'artista agli esordi, e di Verrocchio, "Testa di Cristo", terracotta dal grande pathos nell'espressione dolente del Cristo, molto in voga nell’iconografia europea a partire dalla seconda metà del XIV secolo.

Da ammirare anche le candide ceramiche della famiglia Della Robbia (Luca, Giovanni e Marco Della Robbia), l'iconico "San Giovannino Benedicente" e la leggiadra "Dovizia", la "Coppia di Putti" di Baccio Bandinelli, la tela di Paolo Veronese "Trasfigurazione di Cristo", un rarissimo Cristo benedicente del XII secolo in legno policromo.

Museo Tattile Statale Omero - Mole Vanvitelliana, Ancona
4 luglio - 4 ottobre 2015
info@museoomero.it

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?