Con l'ultimo Comunicato del 28.4.2015 l'ISTAT informava che il mercato immobiliare riprendeva a crescere (già dal 2014) dopo sette anni di calo. I trasferimenti a titolo oneroso di unità immobiliari, infatti,che ammontavano complessivamente a 594.431 nel 2014, registravano una crescita dell'1,6% sul 2013.

Gli andamenti positivi riguardavano soprattutto mutui, finanziamenti ed altre obbligazioni con costituzione di ipoteca immobiliare stipulati nei grandi centri: tra ottobre e dicembre il 92,5% dei trasferimenti di proprietà ha riguardato immobili ad uso abitazione ed accessori (155.909), il 6,8% unità immobiliari ad uso economico (11.411) e lo 0,7% (1.136) unità immobiliari ad uso speciale e multiproprietà (esclusi i posti barca).

E nei primi tre mesi del 2015, secondo il comunicato del 4 maggio scorso dell'Associazione Bancaria Italiana (ABI), i mutui alle famiglie per l’acquisto delle abitazioni sono cresciuti di oltre il 50% (rispetto ai primi tre mesi del 2014).
I dati ABI hanno evidenziato che, tra gennaio e marzo, l'ammontare di erogazioni di nuovi prestiti per l'acquisto di casa è salito a 7,9 miliardi, rispetto ai 5,25 miliardi del 2014.

L’ammontare delle nuove erogazioni di mutui nel 2015 è anche superiore sia al dato dei primi tre mesi del 2013, quando si attestarono sui 4,337 miliardi di euro, sia al valore dei primi tre mesi del 2012 (5,177 miliardi di euro).

Arch. Lorenzo Margiotta

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?