Lo stabilimento FIAT del Lingotto fu progettato e costruito, a partire dal 1915, dall'architetto Giacomo Mattè Trucco. Con le sue misure grandiose divenne il simbolo delle aspirazioni alla modernità dell'Italia del tempo.

Lo volle nel 1915 Giovanni Agnelli (il nonno di quello scomparso recentemente) per ospitarvi una grande, moderna fabbrica, un notevole esempio delle prime architetture industriali in C.A..

Inaugurato nel 1923, il Lingotto diventò uno stabilimento modello, grazie ad alcune grandi idée, come la pista di prova posizionata sul tetto che si meritò i complimenti di Le Corbusier.

Conclusa l’attività produttiva nel 1982, come avviene per molti famosi edifici antichi, la sopravvivenza dello stabilimento Fiat dipendeva dalla sua adattabilità ad una nuova funzione.

I grandissimi volumi sono stati quindi ristrutturati negli anni Novanta da Renzo Piano che l’ha convertito in un impianto polifunzionale con spazi espositivi, centro conferenze, hotel, negozi, uffici e spazi per la formazione.

I padiglioni di via Nizza ospitano oggi infatti un Auditorium, l’albergo Le Meridien e il nuovo Art + Tech, una galleria commerciale, un centro congressi e le sale dove si susseguono grandi manifestazioni come la Fiera del Libro e il Salone del Gusto.

La notevole altezza dei padiglioni e la flessibilità della struttura ha permesso di realizzare numerose e nuovissime sale convegno in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di carattere congressuale, dalla piu' piccola alla piu' imponente.

Gli ultimi nati sono il Multiplex Pathé che conta ben 11 schermi e la Pinacoteca Giovanni Agnelli.

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?