Il Laterizio armatoPresso la Casa dell’Architettura di Roma continua, fino all'11 maggio, la mostra coordinata da Stanford Anderson, Capo del Dipartimento di Architettura del Massachusetts Institute of Technology, sull’opera di Eladio Dieste, ingegnere e architetto uruguayano, precursore e massimo interprete delle tecniche del Laterizio Armato.

In apertura della mostra il 17 aprile scorso si è tenuto un Convegno con il professor Stanford Anderson e l’architetto Mariano Arana, Ministro dell’Edilizia, Urbanistica e Ambiente dell’Uruguay, entrambi noti esperti dell’opera di Dieste; Amedeo Schiattarella, Presidente dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Ramón Carlos Abín de María, Ambasciatore della Repubblica Orientale dell’Uruguay.

Il Presidente dell’ANDIL Assolaterizi Catervo Cangiotti, ha evidenziato l’importanza dell’influenza dell’opera di Dieste sull’architettura in laterizio in Europa e in Italia.

La rilevanza che questi ha avuto nell’intero settore dell’industria del laterizio è confermata dell’impegno che l’Associazione ha assunto quale Sponsor Ufficiale della manifestazione con la Sezione "Produttori Laterizi Faccia a Vista".

L’iniziativa, organizzata dall’Istituto Italo-Latino Americano, di concerto con il MIT di Boston e con l’Ambasciata della Repubblica Orientale dell’Uruguay, prende le mosse dalla mostra Eladio Dieste, a principled builder, illustrata da 40 fotografie di Yoshihiro Asada e curata da Stanford Anderson.

Sette pannelli illustrativi esaltano gli aspetti salienti della sua opera con disegni, planimetrie, progetti e due schermi su cui scorrono i video di un'intervista resa al professor Mariano Arana, ed un'interessante ripresa effettuata in cantiere durante la costruzione di una volta.

Obiettivo primario è quello di diffondere l'opera di un maestro, la ricerca e l'innovativo linguaggio formale di alto contenuto tecnologico realizzato con un "materiale povero", quale il laterizio armato.

La mostra si propone di analizzare l'architettura che l'ingegnere ha saputo sviluppare dall'attenta e pragmatica osservazione di un contesto in cui le uniche risorse erano la manodopera e la terra. Eladio Dieste è infatti riuscito ad imporre le proprie architetture sulla mediocrità del costruire tradizionale come si può constatare dalle sue opere oramai di fama internazionale, ad esempio la chiesa di Atlantida.

Lo scopo è di conoscere il contesto storico e contemporaneo dell'opera di Dieste, promuovendo la cultura uruguayana in Europa e sostenendo un programma di cooperazione per la tutela ed il restauro delle sue opere in Uruguay e in Brasile al fine di salvaguardare un parte importante del patrimonio architettonico internazionale.

www.casadellarchitettura.it
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?