Lo scorso anno il lavoro dei progettisti italiani oltre confine è quasi raddoppiato in valore sul fatturato totale.
Secondo l’OICE - Associazione delle società di Ingegneria e Architettura aderente a Confindustria - nel 2015 l’incidenza dell’ingegneria italiana sul totale della produzione all’estero è passata in un anno dal 24% al 47%. Sul campione analizzato, pari ad un valore di 916,2 milioni di euro, nel 2015 sono stati svolti all’estero progetti per 427,2 milioni (il 46,6% del totale).

È questo uno dei dati che emergono dal “SECONDO RAPPORTO SULLA PRESENZA DELLE SOCIETÀ DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA ALL’ESTERO” elaborato dall’OICE in collaborazione con l'Università degli Studi Bergamo e presentato oggi a Roma presso la sede dell’ICE alla presenza di una folta rappresentanza di ambasciatori, di vertici di Ministeri e di altre Amministrazioni, oltre che a rappresentanti del mondo politico, imprenditoriale e bancario.

Per il Presidente dell’OICE, Gabriele Scicolone, “Il salto verso l’estero delle società OICE è il sintomo di un’imprenditoria abile ed ambiziosa che ha bisogno di una accelerazione nei processi di aggregazione. Il programma di internazionalizzazione che l’OICE porta avanti ormai da dieci anni con il supporto del MiSE e dell’ICE rappresenta una strada vitale per superare le difficoltà che incontriamo ogni giorno e per fare crescere le nostre società, in particolare le PMI, all’estero”.
Sulla stessa lunghezza d’onda il Presidente dell’Agenzia ICE, Michele Scannavini, che ha dichiarato: “La promozione ICE della filiera della progettazione e delle costruzioni si è evoluta nel tempo, perseguendo una sempre più stretta interazione con MiSE, MAECI, SACE, SIMEST e favorendo una sempre più stretta integrazione dei programmi svolti a favore delle Associazioni di Categoria. I risultati annunciati dal Report OICE danno conferma di un lavoro orientato nella direzione giusta”.

“Il dato sulla produzione che emerge – ha poi evidenziato Alfredo Ingletti, Vicepresidente OICE per l’internazionalizzazione - seppur positivo, è assolutamente marginale se si tiene conto del fatturato all’estero realizzato dalle Top 225 International Design Firms e dalle Top 150 Global Design Firms. Queste società realizzano una quota rilevante del proprio fatturato all’interno dei confini nazionali e diventano forti all’estero solo dopo che sono state in grado di crescere, consolidarsi e affermarsi nel proprio mercato nazionale”.
"In Italia invece – ha aggiunto Ingletti - per la mancanza di occasioni di business significative nel mercato interno, l’offerta si attrezza per operare direttamente all’estero con maggiori difficoltà”.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?