Guido i vorrei che tuSi inaugura oggi 2 Marzo 2009 presso l’A.A.M. Architettura Arte Moderna la mostra "Guido, i’vorrei che tu Carlo ed io fossimo presi per incantamento...", dedicata al rapporto culturale, professionale e di amicizia tra Carlo Aymonino, Guido Canella e Aldo Rossi, di cui vengono presentati disegni e progetti autografi, nonchè testimonianze documentarie, di foto, cartoline e appunti.

Una sezione della mostra è dedicata alle foto d’epoca di Gabriele Basilico, dedicate alle opere dei tre grandi architetti.
Più che rivolgere lo sguardo alle singole poetiche autoriali questa nuova iniziativa, che fa seguito alle recenti occasioni espositive curate da Francesco Moschini, responsabile Scientifico e Culturale dell’A.A.M. Architettura Arte Moderna, a Roma per l’Accademia di San Luca (dicembre 2007) e a Milano, per il Politecnico (gennaio 2009) per rendere omaggio alla figura di Aldo Rossi, intende presentare testimonianze di un’inedita dimensione privata e pubblica del lavoro dei tre autori, a partire dalla metà degli anni ’60, per riconfermare la loro attualissima forza propositiva nonchè il carattere di testimonianza operante e sempre attiva del loro ruolo di maestri, cosi diverso e lontano dalla auratica coralità con cui, particolarmente negli ultimi anni, la critica meno attenta ed un pubblico sempre più distratto e dedito al puro consumo sembra aver avuto attenzione soltanto verso il generalizzante registro delle "archi-star".

Di Carlo Aymonino viene tracciato un percorso attraverso alcuni disegni autografi e inediti, dal progetto per Mestre, con Costantino Dardi (1967) al Quartiere Gallaratese di Milano (1968) ai progetti per Bolzano (1979), per Pesaro (1981) per la Giudecca di Venezia, con Aldo Rossi (1985), fino alle esperienze più recenti come il Campidoglio di Roma (dal 1994).

Di Guido Canella viene ripercorsa la complessità formale e architettonica di progetti che vanno da quelli per Segrate (1962), a Pieve Emanuele (1972), a Pioltello (1976 e 1990), fino alle esperienze più urbane legate alla città di Milano in cui è evidente questo rimando e intreccio continuo tra intuizioni precedenti, riprese con declinazioni e complessità impreviste e inedite e folgoranti risoluzioni.

Di Aldo Rossi vengono presentate le grandi tavole per il progetto di Parma (1964), accostate a piccole ma straordinarie riflessioni poetiche attorno ad alcuni suoi progetti come quello per il Cimitero di Modena (1971), per il Municipio di Muggiò (1976), per il Teatro del Mondo (1979), in cui è evidente la propensione del grande maestro scomparso, per le costruzioni paratattiche, per quella idea di costruzione osteologia, per quella continua propensione alla “compiutezza” da solido platonico, per quell’idea, infine, di città, “per pezzi e per parti”.

A.A.M. Architettura Arte Moderna
Via dei Banchi Vecchi 61 - 00186 ROMA tel. 0668307537
info@aamgalleria.it
Lunedì 2 marzo – Sabato 28 marzo 2009
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?