L'Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 84 del 10 agosto scorso ha fornito tutti i chiarimenti sugli impianti fotovoltaici realizzati nei condomini.

Gli impianti fotovoltaici nei condominiIn particolare se l'impianto è superiore ai 20 Kw di potenza installata e per impianti fino a 20 kw la cui energia prodotta risulti ceduta totalmente alla rete, si configura lo svolgimento di un'attività commerciale abituale e come tale i proventi sono configurati come reddito d'impresa.

Con impianti fino a 20 Kw di potenza installata i proventi finanziari derivanti dalla vendita dell'energia prodotta eccedente il proprio fabbisogno e immessa in rete sono tassabili in capo ai singoli condomini e sono configurati come redditi diversi.

Più precisamente, è stato chiarito che il condominio titolare di un impianto fotovoltaico di potenza fino a 20 Kw, non è considerato soggetto che svolge attività commerciale abituale in relazione all’energia prodotta in misura eccedente il proprio fabbisogno e immessa in rete mediante lo scambio sul posto. In tal caso, gli eventuali proventi derivanti dalla vendita dell’energia prodotta e non auto consumata sono tassabili in capo ai singoli condomini come reddito diverso, in proporzione ai millesimi di proprietà.

Il condominio, pertanto, resta estraneo all'attività di produzione di energia, in quanto gli effetti economici di percezione dei proventi e quelli fiscali di tassazione ricadono sui singoli condomini.
Il condominio, infatti, è un ente di gestione che opera per conto dei condomini limitatamente all’amministrazione e al buon uso della cosa comune, senza interferire nei diritti autonomi di ciascun condomino.

Maria Zenoli
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?