"Gio Ponti e la Richard Ginori: una corrispondenza inedita" è la mostra al Museo Marini di Firenze (aperta fino fino al 21 luglio) che conferma l'azione intrapresa dal grande designer italiano durante la sua collaborazione con l’azienda francese aveva acquisito la Manifattura di Doccia fondata nel 1737 dal marchese Carlo Ginori.

Una cinquantina di pezzi, tra i meno conosciuti della collezione di ceramiche di Gio Ponti del Museo di Doccia della Richard Ginori e una selezione di una trentina di lettere dell'architetto milanese dimostrano il rinnovamento artistico che Ponti diresse alla storica manifattura con schizzi, disegni e indicazioni di fabbricazione.

Le lettere rappresentano un nuovo spunto per indagare sul metodo lavorativo di Gio Ponti e sul suo rapporto con la Richard Ginori, improntato ad una costante ricerca di innovazione delle idee e del prodotto, e offrono al contempo l’occasione per riflettere sulla creatività italiana, di cui è stato uno tra i maggiori rappresentanti a livello internazionale.
Ponti, infatti, corredava i suoi scritti con schizzi, disegni, annotazioni, indicazioni di fabbricazione e quant’altro potesse essere utile per far eseguire il lavoro al meglio.

Dopo la prima guerra mondiale, la Richard Ginori (con i suoi cinque stabilimenti) era una delle principali industrie ceramiche in Europae e il giovane architetto Gio Ponti (1891-1979) inizia a collaborare con la società nel 1922 divenendone presto il direttore artistico per un decennio, dal 1923 al 1933.

La sua cultura, la sua fantasia, il suo talento per l'industria e la passione per l'artigianato raffinato, lo posero alla guida di un clamoroso successo e vera notorietà delle ceramiche d'arte Richard Ginori.
Per Ponti ogni oggetto doveva "interessare la fantasia di chi lo disegna e di chi lo guarda".

Alessandra Agrimoni

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?