Il WWF in occasione della giornata “Costruire per il clima” organizzata dal WWF stesso, unitamente alle Edizioni Ambiente e con il patrocinio della Provincia di Roma, ha realizzato un decalogo sintetico indirizzato ai produttori, importatori e alle industrie del legno.

Gestione sostenibile delle foresteL'obiettivo è quello di individuare le caratteristiche essenziali che una costruzione ecologica deve necessariamente avere per risultare riconoscibile effettivamente come tale.

Ai Governi dei Paesi che producono legname

- Adottare una pianificazione efficiente dell’utilizzo del territorio, che punti a creare una rete interconnessa di aree protette, aree gestite secondo gli standard FSC e aree destinate agli usi delle comunità locali
- Promuovere la certificazione FSC rendendola un prerequisito necessario per ottenere le concessioni di gestione forestale
- Rafforzare le leggi esistenti sul bracconaggio e il taglio illegale di legname
- Garantire la corretta applicazione della CITES (Convenzione che norma il commercio internazionale di specie protette) e dei principi del protocollo FLEGT (azione congiunta dei paesi dell’UE che intende coordinare strumenti e promuovere accordi e comportamenti responsabili relativamente alla gestione delle foreste mondiali).

Ai Governi dei Paesi che importano il legname

- Implementare l’utilizzo di legname e prodotti del legno certificati e garantire l’applicazione dei “green public procurement affinché” tutte le amministrazioni acquisiscano solo prodotti certificati e quindi di chiara origine
- Stimolare l’utilizzo di diverse specie di legno certificate, anche meno note, oltre alle poche che dominano il mercato, un metodo che consente di mantenere inalterata la composizione della biodiversità nelle foreste.
- Garantire la corretta applicazione della convenzione CITES e dei principi del protocollo FLEGT

Alle industrie del legname

- Puntare alla certificazione FSC, magari affidandosi a organizzazioni che, come il Global Forest Trade Network del WWF, possono rafforzare la loro competitività garantendo nuovi contatti con mercati e partner, un più alto grado di efficienza e performance ambientale, una riduzione dei rischi d’impresa
- Attuare un controllo effettivo sul taglio illegale di legname, sul bracconaggio e sul commercio di carne degli animali selvatici

Ai commercianti e consumatori dei prodotti forestali
- Fare pressione su fornitori e venditori per avere prodotti certificati FSC
- Adoperarsi per promuovere le specie di legno certificate meno conosciute

Al Consiglio per la Gestione Forestale Sostenibile (FSC)

- Assicurarsi che le operazioni di certificazione rispondano esattamente ai requisiti FSC
- Assicurare alti standard qualitativi, che garantiscano il mantenimento della biodiversità e la protezione di specie rare o minacciate, con particolare riferimento alla caccia sostenibile e al controllo delle attività illegali come il commercio della carne selvatica.
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?