"E’ uno scandalo nella tragedia sapere che vi sono risorse disponibili che potrebbero - anzi, dovrebbero - essere già state utilizzate almeno per tentare di porre rimedio, con interventi di manutenzione e messa in sicurezza, al saccheggio del territorio perpetrato in questi anni".

Così il Consiglio Nazionale degli Architetti (CNAPPC).

"Si fermino, allora, i vaneggiamenti di quanti, in questi giorni, vorrebbero riportare di attualità il Ponte sullo Stretto e si torni con i piedi per terra: non sulle grandi opere bisogna puntare, ma sulla minuta, costante e quotidiana protezione del territorio e delle città, unico intervento che, in una coerente politica economica del Governo, è in grado di evitare altri morti e disastri e, contemporaneamente, generare la voro e sviluppo".

"E la sorda burocrazia - che impedisce di investire e di realizzare interventi per la messa in
sicurezza dell'habitat, diventando causa della morte delle persone - è la tragica realtà di questa Italia".

(Il presidente del Consiglio Nazionale arch. Leopoldo Freyrie a Rai News24 su Genova)

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?