Dopo il parere favorevole della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il D.P.C.M. recante il regolamento sul fondo di progettazione che consentirà di rendere fruibili 100 milioni di euro per la progettazione esecutiva di interventi contro il dissesto idrogeologico.

Il sostegno (D.P.C.M. 14.7.2016, in G.U. Serie generale n. 215 del 14.9.2016) è diretto a favorire l'efficace avanzamento delle attività progettuali delle opere di mitigazione del rischio idrogeologico e provvede a rendere le stesse immediatamente cantierabili.

Il Fondo ha una dotazione di 100 milioni di euro, così distribuiti: 24 milioni di euro nell’anno finanziario 2016, 50 milioni di euro nell’anno finanziario 2017 e 26 milioni di euro nell’anno finanziario 2018.

Il finanziamento sarà concesso dietro presentazione di un progetto esecutivo previsto per l'avvio delle procedure di affidamento dei lavori attraverso l'elaborazione, anche non esplicita, dei livelli di progettazione inferiori.

Saranno beneficiari delle risorse del "Fondo" i Presidenti delle regioni, in qualità di commissari di Governo contro il dissesto idrogeologico; non sono ammessi al finanziamento gli incarichi di progettazione già conferiti e le spese per rilievi e indagini appaltati anteriormente alla data di assegnazione dei fondi.

E' prevista anche una Verifica di ammissibilità, secondo le procedure previste dall'Allegato al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 28 maggio 2015 relativo alla "Individuazione dei criteri e delle modalità per stabilire le priorità di attribuzione delle risorse agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico".

Allegati

Al decreto sono allegati:
- la tabella 1 relativa alle Percentuali da applicare all'importo complessivo degli interventi per la determinazione del valore di riferimento per il computo del finanziamento della progettazione;
- la tabella 2 relativa all’incidenza dei livelli progettuali in percentuale dell'importo totale del finanziamento della progettazione;
- la nota sul calcolo dell'entità del finanziamento della progettazione;
- la tabella A contenente le indicazioni relative all’accertamento dell'ammissibilità del finanziamento;
- la tabella B contenente i criteri da adottare ai fini della formazione degli elenchi su base regionale degli interventi.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?