"Con l’approvazione dei primi programmi da parte della Commissione Europea parte concretamente la nuova programmazione dei fondi di coesione 2014-2020, e parte con buone notizie" ha affermato il sottosegretario di stato alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio, con delega alla Coesione territoriale.

Con il via libera al programma operativo nazionale Cultura e Sviluppo, da 490 milioni, per le cinque regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia), la Commissione europea riconosce le priorità del nostro Paese:
- preservare e valorizzare i principali siti culturali, e promuoverne un uso efficiente;
- consolidare il settore produttivo collegato all’utilizzazione del patrimonio culturale;
- favorire l’imprenditorialità;
- supportare le piccole e medie imprese nei settori del turismo, della cultura e della creatività.

Il programma disporrà di un budget complessivo di €490,9 milioni, di cui € 368,2 milioni (pari al 75%) stanziati dall'UE attraverso il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e il restante derivante dal cofinanziamento nazionale.

Gli altri programmi operativi regionali approvati, per 5,5 miliardi, permetteranno a loro volta di avviare un impegno radicale per temi come l’occupazione, la banda larga e la sostenibilità ambientale.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?