Energie rinnovabili unica alternativa

Si vive un periodo di grande fermento in Italia in tema di energia. Alle polemiche seguite al decreto sulle rinnovabili ora si aggiungono quelle scaturite dai drammatici avvenimenti che stanno mettendo in ginocchio il Giappone. A prendere la parola è Legambiente che afferma: “in Italia nel 2010 boom delle rinnovabili. Ma il governo vuole fermarle per non mettere a rischio gli investimenti sul nucleare”.

Secondo la più grande associazione ambientalista italiana ciò che sta accadendo in Giappone dovrebbe far riflettere sull'importanza dell'energia rinnovabile, ad oggi unica vera risorsa pulita e sicura. Inoltre, secondo Legambiente, “la campagna di disinformazione del Governo non affronta la questione della sicurezza delle centrali e dello smaltimento delle scorie che è ancora aperta, non ci spiega quanto il nucleare sia costoso e aumenti, invece che ridurre, il problema delle emissioni di gas serra”.

Mentre altri Paesi hanno prontamente deciso di rivedere i programmi energetici frenando il nucleare, il governo italiano decide di “condannare alla chiusura centinaia di imprese delle rinnovabili, floride e produttive, mandando a casa migliaia di occupati specializzati nelle più moderne tecnologie, attraverso un decreto che cancella qualsiasi certezza nel futuro”. È quanto dichiarato da Edoardo Zanchini, responsabile di Legambiente, intervenuto alla manifestazione davanti al Ministero dello Sviluppo Economico a Roma.

Eppure le rinnovabili nel 2010 hanno avuto un vero e proprio boom. Col giusto sostegno il settore potrebbe arrivare al 2020 a coprire il 35% dei consumi elettrici italiani. Inoltre, spiega Legambiente, “la continua riduzione dei costi delle tecnologie potrebbe spazzare via qualsiasi ipotesi di investire nei pericolosissimi e costosi impianti nucleari”.
Il successo delle rinnovabili sarebbe confermato dai dati di Terna - Rete Elettrica Nazionale che specificano come le rinnovabili nel 2010 avrebbero coperto il 22,1% dei consumi energetici italiani, rappresentando oltre il 25% della produzione elettrica nazionale.

www.legambiente.it
www.rinnovabili.it

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?