Il comparto dell’edilizia registra alcuni segnali positivi che derivano dall’aumento dei mutui erogati alle famiglie per l’acquisto di un’abitazione (+11,1% nel 2014), dal numero di abitazioni comprate e vendute (+5%) e dei bandi di gara pubblici di taglio inferiore ai 50 milioni di euro (+15,2%).
Con questi dati, la crisi del settore delle costruzioni rallenta anche in Veneto.

Questi indicatori, infatti, emergono dall’annuale rapporto sull’industria delle costruzioni di Ance Veneto, che fanno ben sperare sulla fine della crisi del settore entro il 2016.
Passando all’analisi dei singoli comparti, a soffrire sono soprattutto le nuove costruzioni residenziali nel 2015, mentre le opere non residenziali, sia private che pubbliche, segnalano una diminuzione rispettivamente del 3 e del 3,4 per cento.

Invece, seguono un trend opposto gli investimenti in manutenzioni straordinarie e recupero (+2%), grazie all’effetto del Piano Casa e dei bonus fiscali sulle ristrutturazioni.
Gli interventi sul "costruito" rappresentano ormai il 65% degli investimenti nel solo settore residenziale, e il 36,3% del valore complessivo degli investimenti in edilizia.

E i costruttori chiedono un piano di piccole opere per ripartire.
"È evidente – ha commentato Giovanni Salmistrari, presidente di Ance Veneto – che questi 8 anni di crisi sono stati un periodo di profonda trasformazione per il settore. Gli interventi di manutenzione, sia per il residenziale sia per il territorio, come la sicurezza idraulica, sono divenuti preponderanti. Siamo convinti che proprio la riattivazione dei piccoli cantieri, finalizzati alla rigenerazione urbana sostenibile e alla sicurezza del territorio, possano contribuire a recuperare il terreno perduto".
Fonte: adnkronos nord est

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?