La nota della Direzione centrale Catasto e Cartografia - Area Servizi Cartografici (Prot. 113303) ha ricordato che: "Con il Provvedimento del Direttore dell' Agenzia prot. n. 2015/35112 dell' 11 marzo 2015, si era disposto l'utilizzo obbligatorio delle procedure telematiche per gli atti tecnici di aggiornamento catastale (DOCFA e PREGEO) trasmessi con il modello unico informatico catastale (MUIC) da parte dei professionisti abilitati, iscritti agli Ordini e Collegi professionali.

Nell'ottica di consentire l'utilizzo della trasmissione telematica per tutte Ie varie e possibili fattispecie di atti di aggiornamento geometrico, è stato integrato, sin dal 10 giugno, la procedura del rilascio dell'Estratto di Mappa Digitale per atti di aggiornamento con la possibilità di richiederlo anche per Ie particelle che risultano avere superficie nulla nell'archivio censuario del Catasto dei Terreni.

Al momento della richiesta dell'Estratto di Mappa per atto di aggiornamento nel campo "particelle" deve essere digitato il numero della/e particella/e con superficie censuaria nulla (manufatti interrati, grotte, impianti fotovoltaici, particelle gravate da diritto di superficie, ccc.) comprensivo di parentesi tonde ed anche il numero della/e particella/e a destinazione ordinaria che la/e contengono."

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?