Dopo la pubblicazione, a dicembre 2012, della seconda edizione del Res, 6 comuni su 15 del territorio USL 11 (Empoli-FI) hanno già adottato le nuove Linee Guida ed altri lo hanno già previsto nei loro strumenti urbanistici.

Si tratta di un approccio innovativo alla tutela della salute dei cittadini, a partire dall’edilizia e dall’urbanistica: un Regolamento definito in base ai principi della bio ed ecosostenibilità attraverso un percorso condiviso tra Azienda USL 11 di Empoli (FI), il Dipartimento ARPAT di Pisa e del Circondario Empolese.

La nuova edizione del Res, a quattro anni dalla prima, affronta tutti gli aspetti relativi alla salute legati al mondo delle costruzioni:
- comfort termico-abitativo,
- inquinamento atmosferico, acustico ed elettromagnetico,
- qualità dell’aria
- qualità dei materiali da costruzione utilizzati.

Le linee guida affrontano il vasto tema con una regolamentazione di ben 54 schede tecniche relative a 4 tipologie di intervento edilizio o aree tematiche: prestazioni del contesto, prestazioni dell’edificio, efficienza degli impianti, utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili.

Le prestazioni sono poi suddivise in obbligatorie e incentivate:
- le prime, il cui raggiungimento costituisce condizione vincolante alla realizzazione dell’intervento edilizio, garantiscono buoni livelli di bio-ecosostenibilità e danno diritto ad una targa verde;
- le seconde, che garantiscono livelli elevati o molto elevati di bio-ecosostenibilità, dando diritto ad una targa “oro” o “argento” da affiggere sull’edificio e ad un riconoscimento (attestato) al progettista/costruttore.

Conseguentemente all'adozione del Regolamento Res, a tutte le pratiche edilizie presentate nei comuni già convenzionati, dovrà essere allegata una relazione che attesti la conformità delle opere al sudetto Regolamento.

Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, ha così presentato l'iniziativa: "... ormai da anni la sanità pubblica toscana sta lavorando per superare l’idea di una tutela della salute limitata all’erogazione di prestazioni e farmaci, mettendo l’accento sulla necessaria integrazione con le politiche del territorio, ambientali e di prevenzione".

Arch. Maria Renova

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?