Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, aveva dichiarato che il pacchetto "Digitalia" doveva essere emanato dal Governo entro il mese di Giugno, e comunque prima della pausa estiva.
Doveva essere un provvedimento legislativo "il più possibile condiviso", annunciava il ministro, nel rilevare l’opportunità della collaborazione tra pubblico e privato in questo settore e il diverso ruolo che poteva rivestire l’amministrazione centrale da quella locale, a seconda del territorio dove si preferisce puntare allo sviluppo delle Tecnologie dell'informazione e della comunicazione.

Digitalia il provvedimento legislativo per la digitalizzazionePurtroppo ancora in questi giorni è pronta solo la bozza di tale "Decreto Digitalia" - denominata "Disposizioni urgenti in materia di attuazione dell'Agenda digitale italiana e di start up innovative" - ma già alcuni esperti si trovano di fronte ad alcune perplessità.
Mentre si giudica positivamente l'iniziativa perché potrà creare le condizioni affinché nascano e si sviluppino in Italia comunità intelligenti, al tempo stesso non convincono molte delle misure introdotte.

Infatti, le misure del Governo per raggiungere gli obiettivi fissati dall'Agenda Digitale europea, che saranno esaminate dal Consiglio dei Ministri il prossimo 21 settembre, non convincono (ad esempio) i vari operatori che ritengono - in merito alla diffusione delle tecnologie di rete a banda larga fissa e mobile - già insufficiente (a raggiungere gli obiettivi prefissati a livello comunitario) il fondo stanziato per l'anno 2013, a completamento del cosiddetto Piano Nazionale della Banda Larga.

Stando alla bozza di decreto, le perplessità riguardano anche:
- la nascita dell'Agenzia per l'Italia Digitale (nuova istituzione che dovrà raccogliere funzioni finora svolte da enti separati) perché non ancora chiaro il suo organigramma;
- la rivoluzione digitale della pubblica amministrazione affidata esclusivamente alla definitiva attuazione della Posta Elettronica Certificata (PEC), con la conseguente creazione di un indice nazionale dei vari indirizzi PEC delle imprese e dei professionisti;
- le misure previste (ma non chiarite) per lanciare la scuola e l'università italiana nel panorama illustrato dall'Unione Europea, (es. computer, registro digitale, fascicolo elettronico dello studente, ecc.).
- i numerosissimi rinvii a disposizioni e decreti attraverso i quali, nei prossimi mesi – un nuovo Governo – se vorrà, potrà rendere concrete le misure per l’attuazione effettiva;
- il vasto problema dell'informatizzazione della Sanità, tra ricette mediche in formato digitale e cartelle cliniche che lasceranno il posto al fascicolo sanitario informatizzato;
- l'obbligo di utilizzo della moneta elettronica (carte di debito) per importi superiori alle sole 50 euro.
- l'incoerenza con direttive comunitarie (si prevede che dal 2014 le banche consentano servizi di anticipo fatture solo se le medesime vengano emesse in formato digitale, mentre l'UE prevede l'uso della Fattura elettronica subordinato al consenso del destinatario).

Tra gli altri temi affrontati dal Decreto Digitalia troviamo:
- Documento digitale unificato (carta d'identità elettronica-tessera sanitaria)
- Anagrafe nazionale della popolazione residente
- Archivio nazionale delle strade e dei numeri civici
- Comunicazione di nascita e morte in via telematica
- Digitalizzazione delle procedure di acquisto di beni e servizi
- Riuso dei programmi informatici
- Diffusione dei sistemi di trasporto intelligenti
- Centri scolastici digitali
- Sistemi di sorveglianza nel sistema sanitario
- Progresso delle comunità intelligenti.

Ma tutti gli obiettivi del decreto (appena indicati) non sono gli obiettivi possibili a medio termine, quindi, la strada dell’Agenda Digitale non è ancora percorribile, anche perché subordinata a coperture finanziarie su cui il Tesoro si deve ancora esprimere.

Arch. Lorenzo Margiotta
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?