I contribuenti titolari di crediti certificati verso la PA possono utilizzarli in compensazione per pagare i debiti derivanti da accertamento, tramite il modello F24 Crediti PP.AA.

Il nuovo modello è stato varato con provvedimento del direttore dell'Agenzia del 31 gennaio 2014.
La compensazione dei crediti vantati con le Pubbliche amministrazioni può essere richiesta solo per i debiti da accertamento nei casi di adesione, acquiescenza, definizione agevolata delle sanzioni, conciliazione giudiziale e mediazione, secondo quanto indicato dal decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze del 14 gennaio 2014.

I crediti, relativi a somministrazioni, forniture e appalti, devono essere certi, liquidi, esigibili, non prescritti e maturati al 31 dicembre 2012. Il codice tributo da utilizzare per il versamento è "PPAA", istituito con la risoluzione 16/E.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?