Nell’ambito delle iniziative organizzate dall’Ance a sostegno delle imprese sui mercati esteri, si è svolta a Bratislava una efficace missione “Italy & Slovakia” dedicata ai settori delle infrastrutture, delle costruzioni e dell’ingegneria, in collaborazione con la Farnesina, l’Agenzia ICE, l’OICE, il Ministero dello Sviluppo Economico.

La Repubblica Slovacca, infatti, appare un paese con concrete opportunità per le imprese italiane di costruzione ed ingegneria, incluse le PMI, anche in considerazione del fatto che disporrà di rilevanti fondi, assegnati dall’Unione Europea nell’ambito della programmazione finanziaria 2014-2020 (16 miliardi di Euro, di cui oltre 7 miliardi di Euro destinati al settore delle costruzioni e delle infrastrutture).

Il programma del Governo slovacco è quello di incrementare la partecipazione ai futuri progetti infrastrutturali (strade, autostrade e ferrovie, portuali fluviali) e sviluppare le infrastrutture per il turismo invernale e termale.
I principali settori trattati con successo nel corso della missione sono stati infatti:
- Trasporti (ferroviario, stradale, porti fluviali, aeroporti);
- Energia - Ambiente (comprensivo di un ampio spettro di tematiche);
- Ospedaliero;
- Edilizia residenziale/commerciale/rigenerazione urbana, ricettività alberghiera, ecc.

Secondo Gerardo Biancofiore, presidente del Gruppo Pmi Internazionale dell’Ance, "Le nostre imprese hanno la qualificazione adeguata per proporsi come partner d’eccellenza in questo programma di sviluppo".

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?