Durante l'esposizione della sua relazione annuale al Parlamento, Raffaele Cantone - presidente dell'Anticorruzione (Anac) - ha evidenziato una gravissima situazione italiana, perché necessita ancora di interventi legislativi che consentano una efficace azione di prevenzione.

La nuova Autorità Nazionale Anticorruzione, infatti, nasceva due anni fa con l’obiettivo di costituire un presidio a tutela della legalità e della trasparenza, mediante azioni di prevenzione e contrasto alla corruzione in tutti gli ambiti dell’attività amministrativa.

Ma a meno di "3 anni dall'entrata in vigore della legge Severino (n.190/2012) si riscontrano problematiche e dubbi applicativi". Queste le parole forti di Cantone.

E ancora.
La decisione di congelare la sospensione del governatore campano Vincenzo De Luca "credo sia da rispettare come tutte quelle giudiziarie", ma - ha aggiunto Cantone - "in materia di inconferibilità ed incompatibilità sono ancora più numerosi i correttivi da adottare; gli ambiti della normativa sono, in più punti, incerti e contraddittori; il potere di vigilanza dell'Autorità finisce per limitarsi alla possibilità di esprimere un mero parere non vincolante e l'apparato sanzionatorio è di difficilissima applicazione concreta".

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?